Giornata dell’Autismo, il cammino verso la diagnosi e l’uguaglianza

Sono trascorsi dieci anni dall’istituzione voluta dall’Oms della Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, il cammino verso l’uguaglianza e la pari opportunità per le persone con questo disturbo è appena all’inizio. Le associazioni Anffas, Angsa, Gruppo Asperger, Fish, colgono l’occasione del due aprile, giorno della celebrazione, per lanciare un appello alle istituzioni affinché non ci si fermi solo al lancio di palloncini. Chiedono invece alle istituzioni di spiegare che cosa si è fatto e cosa si sta facendo per rendere esigibili i diritti e garantire la migliore qualità di vita per le persone con disturbi dello spettro autistico. Franca Sassara è una combattiva mamma che vive vicino Marta in provincia di Viterbo, ha creato l’associazione “Campo delle rose onlus”. Da anni si batte perché il figlio Andrea, 27 anni, riesca ad avere una assistenza. Nella Tuscia sono costretti a vivere, dimenticati, 218 (190 maschi e 28 femmine) persone solo tra quelle fino ai 18 anni (Il 4,3 per mille). A Franca e al marito è balenata l’idea di organizzare in proprio quello che il pubblico non riesce a fare: realizzare una struttura per accogliere chi ne ha bisogno. Franca e il marito hanno messo a disposizione una parte della loro casa e avviato i lavori per realizzare 20 posti letto. Associazioni locali come Viterbo con Amore, non ultima la Tuscia Ars Academy che ha devoluto parte dell’incasso della serata Memorial a Giorgio Capitani si sono attivati per sostenere l’associazione di Marta. la Asl di suo ha assicurato l’impegno di fare da tramite con la Regione, una volta finiti i lavori, per il riconoscimento della piccola struttura. Lo scorso 24 marzo è stata inaugurata la sede dell’Angsa Lazio onlus sezione di Viterbo in via Carlo Cattaneo adiacente alla scuola Vanni, organizzerà corsi formativi per educatori pastorali, per affrontare al meglio il catechismo dei ragazzi dello spettro; avvierà un progetto con la Asl e il Comune per un nido comunale. Metterà in atto la partecipazione a iniziative del territorio come Viterbo Città a Colori; un progetto di yoga dentro la nuova sede; laboratori e cineforum per adolescenti, un progetto di autonomia per gli adolescenti e gli adulti e, infine l’ambizioso progetto di Pizzaut per inserimenti lavorativi.Qualcosa si sta muovendo. In Italia 500mila famiglie sono coinvolte, nel mondo 1% ha disturbo autistico .Per reagire a questo squilibrio, segnalato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nell’Ospedale pediatrico del Bambin Gesù è nato un network internazionale composto da clinici e ricercatori provenienti da 20 Paesi e 4 continenti. L’obiettivo: sviluppare e condividere protocolli di valutazione, diagnosi e trattamento open-acces, cioè senza copyright, quindi meno costosi e più facilmente accessibili. Quest’anno la Giornata dell’Autismo ricade a Pasquetta, parliamone in tanti per averne più consapevolezza.

COMMENTA SU FACEBOOK