Giornalismo e Fake news: il seminario organizzato da Unitus Flash fa il pieno al DISUCOM

Diego Galli

Ottimi numeri per il seminario dedicato a Giornalismo e Fake news organizzato dalla redazione di Unitus Flash, magazine universitario dell’Unitus realizzato e gestito da un gruppo di studenti del DISUCOM. L’evento, svoltosi presso l’Aula Magna di Santa Maria in Gradi, è riuscito ad attirare un pubblico di tutte le età. Giovani studenti, giornalisti e semplice pubblico interessato all’attualissima tematica si è riunito per ascoltare i discorsi del Prof. Guido Saraceni, docente di Filosofia del Diritto e Informatica Giuridica all’Università di Teramo – ma anche noto blogger, con oltre 78.000 follower su Facebook – e del giornalista Paolo Attivissimo, intervenuto in teleconferenza dalla Svizzera.
Il seminario ha permesso ai presenti di aggiornarsi sulle problematiche legate alla diffusione virale delle “bufale” e al fenomeno del “clickbaiting”, ovvero, la pratica sempre più in voga di molte testate giornalistiche di utilizzare titoli sensazionalistici per attirare l’interesse dei lettori. Le esperienze dei due esperti hanno potuto gettare le basi per una “istruzione giornalistica”, utile a chiunque per orientarsi nel difficile mondo della Rete e dei Social Network e per scongiurare una troppo facile condivisione di contenuti falsi e privi di fondamenta. Oggigiorno, come hanno sottolineato entrambi i relatori, è sempre più facile incappare in notizie false confezionate ad hoc, che possono influenzare negativamente la massa e creare anche malcontento tra la popolazione.
Da un Donald Trump interessato ad abbattere la Statua della Libertà, poiché considerata come un invito all’immigrazione clandestina, fino alle bufale legate all’immigrazione in Italia, il seminario ha messo in evidenza i fatti e l’importanza della verifica delle fonti, deontologia giornalistica spesso tralasciata anche dalle testate nazionali più in voga.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI