Francesco Marzetti: quell’arte fatta di cose povere e materiale di riciclo

Chissà quante volte, dopo una mareggiata andando a passeggiare sulla spiaggia abbiamo notato che il mare in burrasca aveva lasciato un’infinità di oggetti, relitti di vite passate. Il nostro occhio è stato magari rapito da un legnetto, da un pezzo di plastica, da un galleggiante rotto che ha stimolato la nostra immaginazione. Come confida lui stesso nasce da quelle attenzioni la tecnica di Francesco Marzetti l’artista artigiano della Tuscia nativo di Montefiascone.
La sua casa laboratorio, nei pressi di Bagnoregio Francesco Marzetti l’ha creata per i suoi animali fantastici, creati con tronchi ben levigati dal mare e altro materiale di riciclo rendendola oggi un atelier per il restauro degli oggetti più impensabili.L’artista ha affiancato alla sua attività di corniciaio quella di scultore. Dai legni riciclati dal mare realizza sculture che con apparente naturalezza rinascono e diventano trampolieri, avvoltoi scrutanti, nobili esseri che se ne stanno saldi sulle gambe.Un percorso di studi all’Accademia di Belle Arti in Scenografia con specializzazione in Storia e Restauro della Ceramica, una passione indomabile per la creatività esercitata con gli oggetti più disparati, quelli che la nostra società consumistica butta via. E’ dalla plasmabilità delle sue mani e dalla forza del suo ingegno che rinascono a nuova vita oggetti apparentemente insulsi come un paio di guanti logorati dall’usura, una caffettiera rotta, delle spazzole di ferro ormai consumate da cui prendono forma animali stravaganti, misteriosi, volti con grandi occhi che catturano la nostra fantasia. Animali, uomini tutti pronti per imbarcarsi su un’arca, realizzata con legni di scarto, piccole parti meccaniche arrugginite, un salvagente e un’ ancora che il mare ha restituito, messi in salvo dall’artista artigiano,sculture che si affacciano dagli usci dell’arca e popolano tutto il giardino. Un mondo fantastico quasi giocoso che incute al solo sguardo un senso di distensione. L’artista come Noè, riporta la vita sul pianeta distrutto ridando anima a tutto ciò che appare inutile.Un’oasi che davvero vale una visita e previo appuntamento è possibile: Località Fontanicchi Bagnoregio tel. 0761820939 – Pagina Facebbok: Doppio Sguardo
Foto di copertina Francesco Marzetti con l’artista Regula Zwicky
[pp_gallery gallery_id=”70472″ width=”300″ height=”400″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI