Flebowsky–Storie di ordinaria corsia: la sanità sul palco al Rivellino

flebowsky

Camici, pigiami e reparti sono al centro di questa rappresentazione tutta da ridere. Un audace ritratto delle strutture sanitarie sarà protagonista venerdì 13 febbraio al Teatro Il Rivellino di Tuscania, quando andrà in scena “Fleboswky – Storie di ordinaria corsia”. È Nicola Pistoia a portare sul palco questo spettacolo, che prende ispirazione dal libri di Fabrizio Blini, insieme a Ketty Roselli e Armando Puccio per la regia di Gigi Piola.

Fondendo il tragico con il comico, Flebowsky è una guida alla degenza ospedaliera, una specie di “farmaco preventivo” per affrontare situazioni di questo tipo. Nicola Pistoia, con descrizioni e metafore divertentissime, percorre tutti i livelli professionali e le tipologie di malati di un ospedale offrendo al pubblico una panoramica a dir poco comica. Nelle vesti di un paziente esperto decide di affrontare con umorismo le proprie malattie, con l’obiettivo di stabilire un rapporto cordiale con i medici e l’ospedale e con la certezza che la prima medicina necessaria in un ospedale è la buona volontà delle persone.

La storia di Flebowsky oltre a divertire invita lo spettatore a riflettere, cercando di portare l’attenzione sullo stato di insicurezza e fragilità che il malato prova nel momento in cui varca le porte dell’accettazione. Per Flebowsky basterebbe un rapporto più cordiale tra medici, ospedale e malati per far sentire i pazienti a casa.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI