Festival “I Bemolli sono Blu”: il pogramma

Per la seconda serata in programma, domenica 22 ottobre alle 18.00, Axel Trolese, sarà alla Sala Alessandro IV del Palazzo papale per “Debussy e il suo tempo”, in un concerto che lo vede protagonista assoluto con un repertorio delizioso per pianoforte: Ludwig van Beethoven (1770-1827) Sonata op. 101 in La Maggiore; Claude Debussy (1862-1918) – Etudes, livre II; Maurice Ravel (1875-1937)- Le Tombeau de Couperin.

Il Festival è stato inaugurato con successo domenica 15 ottobre con lo strepitoso concerto del pianista francese Philippe Bianconi che ha fatto ascoltare alcune suite per pianoforte di Debussy. Il programma prevede la partecipazione di altri illustri artisti quali: Luca Ciammarughi, Sandro De Palma, Maurizio Paciariello, Stefano Nanni, Andrea Belmonte, Luca Verdone, David Riondino, Claudio Strinati, Musica Reservata, Ensemble Flos Florum e i pianisti di “Europe du piano”, che ruotano tutti attorno al progetto “I bemolli sono blu” e alle linee programmatiche musicali e artistiche dai titoli: Debussy e il suo tempo; Piovono Coriandoli; Miti di Ieri e di Oggi; Suoni dello Spirito.Gli altri appuntamenti – Palazzo dei Papi, Sala Alessandro IV- Viterbo

Per i concerti che si svolgono nella Sala Alessandro IV, l’ingresso a costo popolare è di 7 euro, ridotto 5 euro, mentre per due concerti previsti nelle antiche chiese del centro storico di Viterbo, Cattedrale di San Lorenzo e Chiesa del Gesù, l’ingresso è di 10 euro, ridotto 5 euro. Nei vari incontri si ascolteranno musiche di grandi compositori come Debussy, Satie, Severac, Fauré, Chausson, Dukas, Cras, Decaux Massenet, Hahn, Piernè, Poulenc Gluck-Sgambati, Clementi, Colasanti, Liszt, Dufay, Palestrina, Tomàs de Victoria, A. Scarlatti, Desprez.Il Festival è dedicato alla figura geniale di Claude Debussy nel centenario della morte, compositore che ha rivoluzionato l’armonia, il ritmo, la sonorità e la forma della musica occidentale della seconda metà dell’800. Frequentatore di circoli letterari e artistici parigini di fine secolo, fu influenzato dal movimento simbolista francese e condivise con gli impressionisti l’attenzione per la natura.

– Il titolo del festival “I Bemolli sono blu”, è stato scelto dal Maestro Sandro De Palma, presidente e direttore artistico dell’Associazione Musicale Muzio Clementi con sede a Roma e Viterbo, in ricordo dell’epistolario di Claude Debussy (Lettere 1884-1918), ricco di riferimenti familiari e di osservazioni sugli avvenimenti artistici del tempo.

–Il 1° Festival “I Bemolli sono Blu” si svolge con il patrocinio del Comune di Viterbo, con il sostegno della Regione Lazio e della Fondazione Carivit e in collaborazione con la Fondazione Caffeina Cultura che si è resa disponibile ad ospitare la rassegna sinfonica nel neonato Teatro Caffeina (via Cavour 9), aperto e chiuso all’improvviso (sabato 7 ottobre) per problemi burocratici e tecnici. In attesa della sua riapertura il festival è ospitato dalla Diocesi di Viterbo a Palazzo dei Papi.

Info: concertiblu@gmail.com
www.axeltrolese.com

www.associazioneclementi.org www.sandrodepalma.it

Venerdì, 27 Ottobre 2017 – ore 18.00 – “Miti di ieri e di oggi”, prima esecuzione assoluta. David Riondino voce recitante. Sandro De Palma al pianoforte

Venerdì 3 Novembre – ore 18.00 – Luca Ciammarughi, pianista

Venerdì 10 Novembre – ore 18.00 – Maurizio Paciariello, pianista

Venerdì 8 Dicembre – ore 18.00 – Duomo di San Lorenzo – Coro Musica Reservata

Venerdì 15 Dicembre – ore 21.00 – Da Erik Satie: “Piovono coriandoli”, concerto L’Histoire de Babar di F. Poulenc (Storia dell’elefantino). Luca Verdone voce recitante

Lunedì 18 Dicembre – ore 18.00 – Chiesa del Gesù – Messa sine nomine di Guillaume Dufay, per 3 voci. M. Giovanni Caruso

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI