Festa delle Passate” o “Barabbata a Marta per celebrare le primizie dei raccolti

Per la deliziosa cittadina della Tuscia adagiata sulle rive del lago di Bolsena la festa della Madonna Santissima del Monte, meglio conosciuta come “Festa delle Passate” o “Barabbata“, è un giorno che non ha mai fine Per il visitatore che assiste allo spettacolo che sia la prima volta o meno è sempre meraviglia stupore spettacolare per una festa unica che affonda le sue radici nei riti pagani propiziatori,
Con l’avvicinarsi della fatidica data del 14 maggio, a Marta, grazie anche al profumo della fioritura del “maggio” (fiori di ginestra), si iniziano a costruire le “Fontane” e i Carri (spesso si inizia a costruirli già un mese e mezzo prima e del tutto a anche a spese proprie .Seguono poi gli addobbi per le vie del paese, l’inizio delle “novene” al Santuario, il tutto circondato dall’eco dei canti.
Arrivati al 13 maggio si gioca allo scoperto con l’esordio dei veri e propri festeggiamenti.
E’ all’alba del 14 maggio che il tamburino con l’incessante rullo da la sveglia accompagnato dalle campane della Colleggiata che suonano a festa.Poi alle 9 il corteo storico inizia il tradizionale percorso che attraversa tutto il paesesino a giungere al santuario della venerata Madonna del Monte L’ordinamento è costituito dalle categorie: Casenghi,Bifolchi, Villani e Pescatori accompagnati dalla banda musicale a cui fa seguito il clero, i Ceri, con le autorità civili con il gonfalone e la popolazione.
Al corteo possono partecipare solo uomini e non mancano piccoli bambini in braccio ai propri papà perché la festa va tramandata di padre in figlio affinché si svolga ogni anno e che rimanga sempre viva la devozione alla Madonna Santissima del Monte.Il significato del termine Passate: è riferito ai tre giri che il Passante compie entrando in chiesa dalla porta principale attraversando l’area sacra del presbiterio e uscendo di nuovo sul sagrato dalla porta comune del convento, esse si svolgono dopo la santa Messa e al terzo passaggio ogni rappresentante lascia un dono sull’altare: primizie,formaggio, pesce pane,drutta. Dopodichè il signore della festa consegna a loro la tradizionale ciambella. www.madonnadelmonte.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI