Ferrovia Due Mari, Civitavecchia Orte e il Porto, qualcosa si muove

Riceviamo e pubblichiamo.

Con soddisfazione abbiamo appreso che sono in corso iniziative da parte dell’Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Centro settentrionale per il riconoscimento CORE del Porto di Civitavecchia, da parte della Unione Europea.

Il porto di Civitavecchia pur avendo tutte le carte in regola per essere inserito nella lista dei porti strategici europei, ovvero nel core network, ne era stato escluso nell’ultima tornata di esame da parte della Commissione comunitaria.

Il porto di Civitavecchia ha però caratteristiche precise, non solo per il suo ruolo leader sulle rotte delle crociere e delle autostrade del mare, ma anche per una posizione centrale in Italia che rende decisamente credibili le opzioni di sviluppo e crescita nel settore dei containers.

Il giusto riconoscimento del Porto di Civitavecchia come porto Core e quindi l’inserimento di diritto nelle reti TEN-T , va a favore dello sviluppo delle Autostrade del mare.

Il Mar Tirreno e il Mar Adriatico diventano così più vicini.

Il costo del trasporto ferroviario di 17 volte inferiore a quello stradale e con emissioni di CO2 enormemente inferiori a quello stradale fanno divenire indispensabile l’intermodalità mare-ferrovia. Anche queste sono le valutazioni che l’Autorità di sistema portuale avv. Di Majo ha espresso richiedendo esplicitamente, per l’attraversamento del Centro Italia, il finanziamento per la riapertura della tratta Civitavecchia Orte.

Atto importante che riteniamo debba essere sostenuto dalle istituzioni locali, regionali, dal Governo e dalla Unione Europea. Questa linea ferroviaria, infatti, congiungendosi alla linea Orte-Falconara, realizza la Ferrovia dei Due Mari, permette l’ampliamento dell’importante corridoio intermodale europeo TEN-T Berlino – Palermo alle regioni adriatiche italiane e aumenta le capacità intermodali e delle autostrade del Mare fra cui l’Autostrada del Mare “Spagna – Balcani” da Barcellona a Ploče (Croazia), passante per Civitavecchia e Ancona / Ortona.

I Sindaci dei Comuni attraversati dalla Ferrovia, ma anche dei comuni limitrofi, essendo pienamente consapevoli, inviarono un documento al Vice Ministro dei Trasporti on. Riccardo Nencini, richiedendo l’apertura della Ferrovia iniziando con il servizio turistico nella tratta Capranica-Orte provvista di binari, anche per dar seguito alla approvazione della legge 128/2017 sulle ferrovie turistiche. Il Ministero dei Trasporti forte dell’iniziativa dei Sindaci richiedente l’inserimento prioritario della Ferrovia Civitavecchia Orte, , nella ripartizione dei finanziamenti tra le 18 linee ferroviarie inserite nell’elenco nazionale dalla legge 128, ha promosso vari incontri: con il Ministero dei Beni culturali, RFI e Fondazione FS, che hanno portato alla quantificazione della spesa, che riteniamo irrisoria, di fronte ai vantaggi che la riapertura della tratta offre.

Basti pensare alla rivitalizzazione della ex Roma Nord, alla realizzazione dell’anello ferroviario Circumcimina con la possibilità di raggiungere l’unico grande ospedale della Provincia, attraverso la realizzazione della Fermata Viterbo-Belcolle che, per visite ambulatoriali o visite ai parenti ammalati, potrebbe essere utilizzata di circa 150.000 persone, togliendo dalla strada una infinità di vetture, (dati del Piano di bacino dei Trasporti della Provincia di Viterbo) e quindi ai benefici ambientali e salutari e al possibile riassetto del territorio con lo sviluppo dell’economia, del turismo. La fine della legislatura ha purtroppo bloccato la possibilità del finanziamento della linea. Spetta agli eletti e al governo che uscirà dalla elezioni stabilirlo.

Per l’approfondimento di questi argomenti e la presentazione della proposta di realizzazione di un progetto integrato, richiedendo l’inserimento del loro Comune a tutti i Sindaci del territorio e del Centro Italia, avremmo voluto effettuare un apposito convegno, a Gallese il 15 febbraio 2018, prima delle elezioni del 4 marzo 2018.

Il Coordinatore istituzionale dell’iniziativa, il Sindaco di Gallese Danilo Piersanti, essendo candidato alle elezioni regionali nella lista INSIEME, con apprezzabile sensibilità politica, ha proposto il rinvio ad elezioni avvenute.

Il Comitato per la riapertura della Ferrovia, che al suo interno vede la presenza di uomini e donne di tutte le espressioni politiche, continua nell’opera di coinvolgimento di associazioni di categorie, commercianti, artigiani e operatori turistici e amministratori comunali per la realizzazione di un grande progetto integrato, con al centro la Ferrovia dei Due Mari, finalizzato a favorire lo sviluppo del turismo e l’occupazione in tutto il Centro Italia.

Continua, inoltre, l’opera di sensibilizzazione dei candidati alle elezioni politiche e regionali, con l’invio a tutti i candidati di una lettera-documento, con proposta di incontro, per favorire la conoscenza dell’importanza della riapertura della tratta Civitavecchia Orte, il tratto mancante della Ferrovia dei Due Mari e quindi l’inserimento, nei loro programmi elettorali.

Raimondo Chiricozzi

COMITATO PER LA RIAPERTURA DELLA LINEA FERROVIARIA CIVITAVECCHIA CAPRANICA ORTE
E PER LO SVILUPPO ECONOMICO DELLA TUSCIA E DEL CENTRO ITALIA

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI