Estasiarci, Giornata mondiale del rifugiato

Al via l’edizione 2017 del festival Estasiarci – Giornata Mondiale del rifugiato organizzato da Arci Viterbo e Arci Solidarietà Viterbo Onlus in collaborazione con Arci Servizio Civile Viterbo, Aucs Onlus e con il sostegno del Comune di Viterbo e dello SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). Hanno illustrato il programma questa mattina in conferenza stampa a Palazzo dei Priori il presidente di Arci Viterbo Marco Trulli e la direttrice di Arci Solidarietà Viterbo Onlus Alessandra Capo; sono intervenuti alla presentazione anche il sindaco Michelini e l’assessore alla cultura Delli Iaconi.
Al centro il tema dell’accoglienza, dell’integrazione, dell’immigrazione, e alla base la volontà di proseguire nella creazione di una filiera della solidarietà “ Il festival è la piazza festosa e accogliente quanto un momento di visibilità e comunicazione di tutto un percorso che avanza nell’anno fatto di laboratori, corsi formativi dedicati ai beneficiari dei progetti di accoglienza di Arci. Quindi formazione e dibattiti accanto ad una programmazione musicale che intreccia i suoni del Mediterraneo e che vuole dare spazio a gruppi musicali indipendenti. La piazza protagonista per celebrare e costruire momenti di socializzazione e collaborazione sarà Piazza Unità d’Italia.” ha spiegato Marco Trulli.
Il festival si apre il 20 Giugno in concomitanza con la giornata mondiale del rifugiato ma in realtà è già attivo da oggi il laboratorio di serigrafia per rifugiati presso il Circolo il Cosmonauta e terminerà il 15 Luglio. “ Il 20 Giugno il festival inizierà con “A Porte Aperte” presso la Scuola di Italiano In Altre Parole in via del Teatro Nuovo, dove verrà proiettato un video che illustra i progetti di accoglienza di Arci Solidarietà Viterbo Onlus e verrà organizzata una cena aperitivo coinvolgendo anche gli abitanti del quartiere; dal 3 al 7 luglio analoghe iniziative saranno riprese con il coinvolgimento dei condomini residenti nei palazzi che ospitano migranti ad Acquapendente, Bassano Romano, Vitorchiano, Vignanello e Viterbo.” ha proseguito nella presentazione Alessandra Capo. Un incontro fondamentale sarà quello del 27 Giugno: è previsto un convegno in Prefettura per parlare di diritto all’accoglienza di richiedenti e titolari di protezione internazionale, con riferimenti locali quanto internazionali sui progetti d’accoglienza e sui corridoi umanitari come quelli messi in atto dalla Comunità di S.Egidio; altrettanto da segnalare è quello del 14 Luglio “Comunicare l’immigrazione” con l’associazione Carta di Roma che affronterà l’uso delle parole usate nella comunicazione dell’immigrazione, ossia quelle parole che spesso alimentano paure, pregiudizi e paranoia. Alle giornate di formazione sull’accoglienza presso lo spazio Arci Biancovolta si affiancano le serate musicali dal 12 al 15 Luglio presso piazza Unità d’Italia dove dalle 21,30 si esibiranno gruppi dai Gorilla Pulp e Sycamore Age, John Canoe e Gazebo Penguins, Bobo Rondelli trio per la serata del 14 e in chiusura il 15 il polistrumentista africano con musica maliana Baba Sissoko- Mediterranean Blues e l’Orchestra moderna dj-set. Tutte le sere nella piazza sarà aperto uno spazio food&drink. Novità nel logo utilizzato quest’anno: si tratta di un disegno ideato da Daniele Capo che vuole riprendere la texture dei vestiti africani.
Ha concluso la presentazione, dopo le parole di elogio del sindaco per la manifestazione e la conferma dell’impegno dell’amministrazione sui temi dell’integrazione e dell’accoglienza, l’assessore alla cultura Delli Iaconi: “ A partire da quello che è successo ieri in Parlamento sullo ius soli, per fortuna esiste una realtà che pratica l’accoglienza, l’integrazione e che ci dà speranza.”
Il programma su: http://www.arciviterbo.it/estasiarci/

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI