Ercole Olivario dal 13 al 19 marzo a Perugia gli oli migliori

Ercole Olivario è riservato a oli ottenuti esclusivamente da olive italiane, con la possibilità di partecipare a 2 distinte categorie, quella degli oli extravergine e quella degli extravergine DOP E IGP.

17 le regioni aderenti all’edizione 2016, per un totale di 249 iscrizioni; sul podio il Lazio a quota 47, l’Umbria, con 40 iscritti, e la Sardegna, che presenta 26 etichette. Buona la partecipazione di Puglia e Sicilia (24), seguono Calabria e Abruzzo (19), Toscana (17), Campania (10), Liguria (6), Marche (4), Molise e Lombardia (3), Veneto, Basilicata ed Emilia-Romagna (2), Trentino (1).

Le Commissioni Regionali di degustazione, costituite presso ciascun ente camerale e composte da iscritti nell’elenco di tecnici ed esperti di oli di oliva extravergini e vergini, saranno chiamate a eleggere un massimo di 6 oli rappresentativi della Regione per le due categorie previste.

Gli oli selezionati concorreranno alla fase finale della competizione, che si svolgerà a Perugia dal 13 al 19 marzo 2016 prossimi, una settimana in cui tutte le etichette saranno sottoposte all’esame di una Giuria Nazionale costituita da 16 degustatori, eminenti esperti del settore.

Come tradizione il Premio Ercole Olivario andrà agli oli che otterranno i primi due posti nelle due categorie per ciascuna delle seguenti tipologie: fruttato leggero, fruttato medio, fruttato intenso.

Saranno inoltre assegnati:

•il Premio Speciale Amphora Olearia all’olio finalista che recherà la migliore confezione, secondo i parametri stabiliti dal Regolamento
•la Menzione Speciale “Olio Biologico”al prodotto, certificato a norma di legge, che otterrà il punteggio più alto tra gli oli biologici finalisti
•il Premio Lekytos, alla personalità straniera che distintasi per conoscenza delle tecniche d’assaggio
•il Premio “Il Coraggio di fare Nuove Imprese Agricole”, riservato alle aziende finaliste avviate nell’ultimo quinquennio
Per tutte le informazioni sull’edizione 2016, consultare il sito www.ercoleolivario.net.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI