Enrico Castellani e Roberto Joppolo in orbita nello spazio. Due asteroidi con il loro nome

Due asteroidi di recente scoperta sono stati chiamati come i due grandi artisti italiani Enrico Castellani e Roberto Joppolo che si sono ritrovati a sorpresa appunto: in orbita nello spazio.

Nell’anno 2006 sono stati scoperti due nuovi asteroidi, la 210032 e la 212500 dall’astronomo di fama internazionale Vincenzo Silvano Casulli.

Le due nuove stelle, perché il nome asteroide significa appunto ‘fatto a forma di stella’, sono state scoperte presso l’osservatorio astronomico di Vallemare di Borbona (RI).

Dopo una immediata catalogazione con il codice numerico, spetta allo scopritore Silvano Casulli, già osservatore esperto e scopritore di centinaia tra stelle ed asteroidi, dare il nome di battesimo alle nuove nate.

Il famoso astronomo scrive all’Unione astronomica internazionale e dopo aver segnalato le scoperte decide così di proporre il nome dei due artisti italiani.

A questo punto, passati oltre 10 anni da quelle scoperte e perse anche un po’ le speranze, il 5 ottobre del 2017, la Minor planet center, organo dell’Unione astronomica internazionale, accetta le proposte di Casulli e comunica ufficialmente con la sua circolare Nr. 105503 che quelle due nuove stelle si chiameranno rispettivamente Enricocastellani e Robertojoppolo.

Il primo, pittore di fama internazionale è considerato una delle figure più importanti dell’arte europea di metà ‘900. I suoi lavori sono tra i più costosi e ricercati del periodo.

Il secondo, scultore di fama internazionale, vanta molte opere pubbliche in tutto il mondo tra cui monumenti in bronzo ed opere su commissione dal Vaticano.

“Questo di Casulli è stato veramente il regalo più bello della mia vita – dichiara Joppolo – il più originale e il più inaspettato, e quello che durerà di più visto che l’asteroide con il mio nome girerà attorno al sole per millenni, anche quando le nostre tracce saranno definitivamente cancellate. Grazie”.

(Associazione “Museo Roberto Joppolo”)

inShare
14 ottobre, 2017

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI