Energia sostenibile, a Caprarola incontro con R&Dialogue Italia

energia

A lungo la società moderna si è sviluppata in modo spettacolare. La disponibilità di una fonte energetica abbondante come i combustibili fossili sembravano consentire una crescita senza limiti. Oggi il problema dell’esaurimento delle risorse, del degrado ambientale e del modo in cui esso incide sulla qualità della vita si è fatto pressante. Sta diventando sempre più necessario fare ricorso ad un’energia che permetta uno sviluppo sostenibile, un’energia verde che consenta il risparmio energetico e azzeri l’impatto ambientale in termini di inquinamento. Le energie rinnovabili, cioè quelle fonti che per loro natura non sono “esauribili” come l’energia idroelettrica, l’energia solare, l’energia eolica, sono destinate a soppiantare i combustibili fossili.

Come potremmo utilizzare queste nuove fonti di energia anche nella Tuscia? R&Dialogue Italia ha promosso per sabato 28 febbraio alle 10, presso il Palazzo della Cultura di Caprarola, un dibattito aperto a tutti i cittadini per parlare di energie rinnovabili, sostenibilità, effetti sul clima, fonti rinnovabili e fonti tradizionali. L’intento dell’incontro è capire insieme se è possibile realizzare un nuovo sistema energetico nel territorio, portando benefici economici e occupazionali.

R&Dialogue Italia è rappresentato dall’Università di Roma La Sapienza – Centro di Ricerca CE.RI e in particolare dal gruppo multidisciplinare diretto dal prof. Salvatore Lombardi, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Terra e il DICEA, Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale. Il gruppo conduce ricerca teorica e applicata nel settore della geochimica dei gas e delle acque dal 1980, e sui processi psicosociali nella comunicazione della ricerca scientifica dal 2000. R&Dialogue si pone l’obiettivo di sperimentare un approccio innovativo al dialogo su come ridurre le emissioni di CO2, stabilendo un buon contatto tra mondo della ricerca e società civile. La sua finalità è contribuire a sviluppare una visione comune su come raggiungere l’obiettivo di una società con meno emissioni.

LA LOCANDINA

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI