EFF 25 Luglio/ al regista Paolo Genovese l’Arco di Platino

Il regista Paolo Genovese in posa durante il photocall del film "Una famiglia perfetta", Roma, 28 novembre 2012. ANSA / ETTORE FERRARI

A Piazzale Frigo alle ore 21:30 di lunedì 25 luglio, incontro con il regista Paolo Genovese e consegna Arco di Platino.
È il regista del film dell’anno, quel Perfetti sconosciuti
che ha messo d’accordo pubblico e critica. Eppure nessun produttore voleva scommettere sulla storia di sette persone chiuse in una casa. Adesso invece farebbero carte false per un secondo episodio. Ma il no di Paolo Genovese è categorico.
“Sono molto attento a quello che mi succede intorno, è la mia prima fonte d’ispirazione”. Perfetti Sconosciuti è un film particolare, che si svolge tutto durante una cena con coppie di amici di sempre che si ritrovano e l’idea parte da esplorare la vita segreta delle persone. “Ognuno di noi ha una vita inconfessabile che oggi passa attraverso il cellulare. Un film amaro perché i migliori amici si troveranno a essere perfetti sconosciuti, persone diverse da come s’immaginavano. Una commedia nata da una prima suggestione – racconta Paolo Genovese – che si lega a una frase di Gabriel García Márquez: “Ognuno di noi ha tre vite, una privata, una pubblica e una segreta“.
Il regista è nato a Roma nel 1966. Tra i suoi film: “Incantesimo Napoletano”, vincitore di un David di Donatello e due Globi d’oro, “La Banda dei Babbi Natale”, “Immaturi” e “Immaturi – Il viaggio”. “Perfetti sconosciuti” è il suo decimo lungometraggio: tra i numerosi premi due David di Donatello (miglior film e sceneggiatura) e tre Nastri d’Argento.

Ore 22.15 proiezione del film PERFETTI SCONOSCIUTI

Il restante programma della giornata è scaricabile da www.estfilmfestival.it/lunedi25.php

IN CASO DI MALTEMPO LA SERATA
SI SVOLGE ALLA ROCCA DEI PAPI

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI