E tutti risero felici e contenti: commedia napoletana al Bianconi

tutti risero felici e contenti

E tutti risero felici e contenti è il nuovo appuntamento al Teatro Bianconi di Carbognano con la commedia napoletana. Il testo di Bruno Alvino, presentata dalla Compagnia di prosa e musica “Teatro Mio” di Vico Equense di Napoli andrà in scena domenica 12 aprile alle ore 17,00.

L’opera di Alvino tratta con ironia e divertimento le paure, i segreti, le ansie intime che angosciano il genere umano, insomma lo scheletro nell’armadio che tutti hanno, mettendo sapientemente  in scena un misto di risate e di riflessioni. La scena è ambientata nella Pensione Serrapica, meglio conosciuta come Pensione Squisitezza, gestita da Odilia Serrapica  e da suo marito Demetrio Fumo. In questa folcloristica pensione albergano alcuni personaggi decisamente particolari:  un anziano dottore a riposo, una infermiera e l’ingegnere Enrico Fabbrocino.  Nell’alberghetto si trova anche Egidio Serrapica, fratello di Odilia che non svolge nessun compito nella gestione della pensione, lasciando tutto in mano alla sorella e al cognato. A completare il quadro c’è Eufemia, figlia di Odilia e Demetrio, disperatamente innamorata di Enrico. La vita tranquilla del piccolo albergo viene sconvolta dall’arrivo di un personaggio a dir poco sorprendente: un italo americano che essendo stato rapinato, a suo dire, di auto, soldi, carte e telefono, chiede una stanza per la notte.  Non sa però, che alcuni degli ospiti della pensione hanno qualcosa da nascondere e quando Eufemia racconta di aver ascoltato involontariamente una telefonata, nella quale si diceva che qualcuno cercava un imbroglione a Pensione Squisitezza, la tensione si fa alta fino al punto di progettare l’omicidio di Charlie l’italo americano, il quale secondo alcuni è sicuramente un agente segreto inviato a scovare “l’imbroglione”. Come finirà? Che alla fine tutti risero felici e contenti ma…

Bruno Alvino da sempre è appassionato al teatro. Nel 1988 costituisce con alcuni amici l’Associazione Culturale Teatro Mio, della quale è direttore artistico. L’Associazione gestisce un piccolo teatro nel Comune di Vico Equense, divenendo un importante punto di riferimento culturale per i cittadini di tutto il territorio della Penisola Sorrentina e di gran parte della provincia di Napoli. Dal 1992 è consulente teatrale per l’approfondimento didattico e segue laboratori teatrali presso molte scuole. Dirige la Bottega Teatrale L’Alambicco, frequentata da giovani della fascia di età tra i 15 e i 22 anni. Da sempre attento alla diffusione dell’attività teatrale tra i giovani, ha scritto anche per ragazzi e messo in scena, con giovani attori, numerosi spettacoli teatrali.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI