“Donne tra ricordi e futuro”, Fidapa sceglie l’ex Onpi per lanciare il premio letterario

Si è aperta a Villa Serena la quarta edizione del Premio letterario “Donne tra ricordi e futuro”. Il premio della Fidapa, la Federazione italiana donne arti professioni affari.
“Il passato e il presente si incrociano e ci invitano a volare verso il futuro, che si preannuncia ricco di eventi e di incontri del cuore – hanno detto dalla Fidapa -. Avanti tutta, dunque, per non disperdere le nostre memorie e per conservarle scrivendo una pagina di storia, contribuendo a salvare le piccole, grandi storie da destinare a futura memoria. Capire il passato per non smarrirsi nel presente, guardare al futuro con occhi disincantati e vivi. Questo l’obiettivo, che si conferma, della quarta edizione”.
In questo quadro, domenica mattina si è aperto l’incontro a Villa Serena, con i saluti del presidente della struttura sociosanitaria di proprietà del Comune di Montefiascone, Angelo Caporiccio: “L’anziano è una risorsa, non un peso. Tutti gli operatori della casa di riposo e della Rsa di Villa Serena lo sanno bene”. Dopo di lui, l’amministratrice delegata Elisabetta Ferrari: “Grazie alla Fidapa per la visita e per aver scelto la nostra struttura per aprire la quarta edizione del premio letterario: questa è la casa della solidarietà. Noi diamo un servizio continuo, e ospitiamo tutti mettendo al centro i bisogni della gente, non pensando solo ai vincoli di bilancio”.
Per la Fidapa Viterbo c’era la presidente, Felicita Menghini: “Ho l’orgoglio di essere la presidente di un gruppo di donne fantastiche”. Accanto a lei, Bettina Giordani di Fidapa Roma: “Recuperiamo messaggi dal territorio e li portiamo nelle sedi istituzionali”.
Poi, sono intervenuti Lorena Fiorini, socia Fidapa e presidente del premio letterario Donne tra ricordi e futuro; Anselmo Fantoni, presidente del comitato organizzatore e coautore del premio letterario; il professor Mario Morcellini; Alessandra Di Tommaso, enogastronomia; gli imprenditori Anna Maria Ciambella e Pierluigi Piselli; Dalisca, socia Fidapa e artista sponsor del premio; il dermatologo Massimo Papi; Laura De Luca, giornalista e scrittrice. Hanno partecipato gli autori Nando Maurelli, Cinzia Scalise e Laura Sugaroni. Ha coordinato Alba Stella Paioletti, sodia Fidapa della sezione di Viterbo.
Cinzia Scalise ha dedicato la sua opera, “L’anima di Villa Serena”, alla casa di riposo: “Qui, dove mia madre è ospite, ho trovato la serenità: è una delle strutture più equilibrate che conosca. C’è spazio fisico, e chi ci lavora ci mette professionalità e calore umano. Il libro L’anima di Villa Serena (dove racconto e immagino la vita degli altri) è dedicato a mia madre, che non cito mai”.
I prossimi appuntamenti della quarta edizione del premio letterario ci saranno a Perugia, il 24 febbraio, quando la Fidapa sarà ospite del Rotary Perugia-Trasimeno, al convento di San Francesco al Monte; e l’8 marzo a Pratovecchio Stia, per consegnare il premio della critica al miglior autore dell’edizione 2016-2017.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI