Dioniso e la nascita del vino: Abbate e i bimbi della primaria

Presso il cortile del MUVIS (Museo del Vino) di Castiglione in Teverina, ultimo appuntamento di una serie che ha segnato il primo ciclo annuale dell’Officina culturale della Regione Lazio “I Porti della Teverina”.
“Dioniso e la nascita del vino” è uno spettacolo di Gianni Abbate in collaborazione con il Comune di Castiglione in Teverina con protagonisti i 120 bambini della Scuola Primaria. “E’stata una gran bella avventura-afferma Abbate– Castiglione in Teverina, città del vino, con il suo Museo dedicato – fiore all’occhiello della Tuscia non poteva essere privata di una creazione artistica che evocasse la nascita del vino. Tutti i piccoli attori saranno impegnati in scena, all’interno del cortile del museo, in uno spettacolo degno di un anfiteatro greco, incentrato su Dioniso e la sua creazione del nettare (di)vino! Ritroveremo sulla scena, tutti i personaggi della mitologia greca coinvolti nella storia della sua nascita. Vedremo Zeus, suo padre, Semele, la madre e poi Era sua moglie che rosa dalla gelosia. Ma sarà Hermes, detto piè veloce, che prenderà il piccolo Dioniso che Semele porta in grembo mettendo in atto una legenda incredibile. Il piccolo Dioniso si muoverà tra ninfe e satiri che lo nasconderanno sul monte Elicona.Un bosco animato, fatto dai bimbi, come pure i tralci di vite selvatica e tanti animaletti si aggireranno sul monte dove Dioniso sperimenterà la vinificazione e il resto dello spettacolo …. è tutto da vedere. Inebriante, divertente, con tanta musica, naturalmente greca.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI