Didattica delle emozioni: team viterbese a Innsbruck

scuola

In questi giorni a Innsbruck si sta svolgendo il quinto meeting internazionale sulla Didattica delle Emozioni®, il noto format di prevenzione e di promozione del benessere per le scuole. Il metodo ideato da due psicologi viterbesi, Rosanna Schiralli e Ulisse Mariani, che sta riscontrando un grande successo in molte scuole italiane, si sta ora diffondendo in alcuni Paesi europei.
Il progetto infatti è stato finanziato al team della dott.ssa Schiralli due anni fa dall’Unione Europea e terminerà tra meno di un anno proprio qui a Viterbo dove, in una conferenza internazionale, saranno esposte le linee guida sull’introduzione dell’educazione emotiva nelle scuole. I lavori del team dei due psicologi viterbesi interessano infatti anche scuole e istituzioni della Gran Bretagna, della Romania, dell’Ungheria, dell’Austria e della Turchia oltre che dell’Italia.
A Innsbruck sono presenti ai lavori le dott.sse Mariagrazia Mari e Francesca Mencaroni che, assieme ai colleghi degli altri Paesi interessati, stanno mettendo a punto il metodo della Didattica delle Emozioni® per renderlo il più fruibile possibile a culture e stili pedagogici diversi dai nostri e per iniziare a delineare quelle linee guida sulle quali, con molta probabilità, si fonderà un nuovo modo di fare scuole, peraltro già in atto in Finlandia e Danimarca.
Tale metodo, lo si ricorda, consta di semplici tecniche che i docenti possono utilizzare in classe con grande facilità per aumentare i livelli di attenzione e di motivazione nei loro alunni, per battere il bullismo, per promuovere il benessere, per impedire l’abbandono scolastico precoce e per aumentare i fattori di protezione nella popolazione scolastica.
Insomma, una sorta di vaccino a largo spettro per far diventare gli alunni più autonomi, più forti e più sicuri.
Si preannuncia dunque una grande rivoluzione culturale nelle scuole dell’Unione Europea grazie agli sforzi e all’impegno di due psicologi viterbesi e del loro validissimo team.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI