Dialogo di una prostituta con un suo cliente: al Padovani

dacia maraini

Dialogo di una prostituta con un suo cliente: il testo di Dacia Maraini al teatro Lea Padovani di Montalto di Castro. Gli anni ’70, il femminismo, la politica, le lotte di classe e i grandi valori emergono con Manila, una ragazza sui trent’anni un po’ sciupata dalla professione di prostituta e un suo cliente venticinquenne, studente di media estrazione sociale. All’inizio è Manila a tenere le redini della conversazione  smontando il cliente di ogni sua fantasia. La prostituta, simbolo del diritto della donna di vendere se stessa e il proprio corpo e un giovane cliente apparentemente ingenuo e innocuo, si conoscono, si provocano, si sfidano e si osservano.  Un rapporto di potere che a poco a poco si sgretola e si rovescia nel suo opposto. Dopo l’atto sessuale la situazione si ribalta ed è il cliente ad usare violenza su Manila, cercando ogni pretesto utile per non pagare la prestazione ricevuta.

Questa è la storia di “Dialogo di una prostituta con un suo cliente”, scritto da Dacia Maraini nel 1973, gli anni ruggenti del movimento femminista e delle grandi lotte sociali per l’aborto assistito e legalizzato, per il divorzio, per le pari opportunità nei luoghi istituzionali e nei luoghi di lavoro.

A portarlo in scena in anteprima nazionale al Teatro Lea Padovani, martedì 16 giugno alle 21, sarà Walter Manfrè che offrirà darà una lettura fortemente legata e ispirata alla propria personale esperienza di quegli anni, di quel rivoluzionario ’68 visto dai suoi occhi di ventenne, studente universitario siciliano, profondamente ispirato dal pensiero di Pasolini, Moravia, Havel, Arrabal, Pinter e oggi, nostalgico amante del Mastroianni felliniano, che sopra ogni cosa, ama le donne.

Walter Manfrè dopo le prime esperienze come attore nel Centro Universitario Teatrale e dopo altre esperienze in vari organismi siciliani, decide di avviarsi al professionismo e inizia la sua carriere artistica frequentando la Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Catania. Da attore ha lavorato sotto la guida dei più importanti registi italiani come Mario Landi, Andrea Camilleri, Orazio Costa, Aldo Trionfo, Franco Enriquez, interpretando testi di autori classici e contemporanei in compagnie di prestigio accanto ai migliori  attori italiani e nei più importanti teatri italiani.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI