Delirio a tre: Tiziana Foschi al Boni

boni

Cosa accadrebbe se in un luogo senza spazio e senza tempo tre esseri umani decidessero di fondere musica, drammaturgia contemporanea e poesia? Delirio sarebbe la risposta più appropriata. Ancora di più sarebbe Delirio a tre. In un percorso delirante tra gag, musica e tanta leggerezza due uomini e una donna, o una donna e due uomini, o tre uomini e una gamba di donna… insomma tre menti malate di teatro faranno rimbalzare lo spettatore per un’ora e venti lungo i tortuosi meandri inestricabili, scoscesi, bui e tempestosi sentieri della psiche umana, lasciandolo senza le forze di ritornare alla propria vita.

Lo spettacolo per la regia di Tiziana Foschi va in scena domenica 31 gennaio alle 17.30 al Teatro Boni di Acquapendente.

Sul palco insieme a Tiziana Foschi, Antonio Pisu e il musicista-cantante Piji. Guidati dalle canzoni di Piji, Pisu e la Foschi criticano, sorridendo, la società contemporanea, soffermandosi su temi caldi ed attuali come l’immigrazione, l’arricchimento dei politici a discapito dei cittadini, l’oscuramento o la trasformazione di notizie scomode da parte di alcune testate giornalistiche. Ma questo vortice delirante in cui gli attori trascinano il pubblico non è fatto solo di scene critiche. La Foschi da professionista qual è, alterna il sorriso alle risate fragorose che riesce ad ottenere quando si parla d’amore….

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI