Defensor basket trascinata a gara tre dei playout da Bolzano

Non sono bastate due partite per stabilire chi, fra Defensor Viterbo e Alperia Itas Bolzano, rimarrà nel campionato di serie A2 femminile di basket. La serie playout ha dunque bisogno del terzo e decisivo atto che si disputa questo sabato pomeriggio al PalaMalè di Viterbo, una partita secca che somiglia a una finale e che vale la tanto agognata salvezza.
Giovedì sera, sul parquet di Bolzano, le padrone di casa hanno rimesso in parità la serie imponendosi per 63-49 al termine di quaranta minuti in cui la Defensor ha dovuto sempre inseguire, senza mai riuscire però a creare davvero problemi alla formazione biancorossa. Coach Carlo Scaramuccia ha avuto un contributo molto importante da Giulia Ciavarella, autrice di 22 punti, ma ha pagato una serata complessivamente negativa al tiro con il 27% da due e il 22% da tre; dopo un primo periodo chiuso in ritardo di soli due punti (18-16), la squadra viterbese è rientrata negli spogliatoi sul -8 (31-23) e si è ritrovata anche a -17 nel terzo periodo sul 42-25. Una reazione di orgoglio è valsa un recupero fino a -7 (45-38), ma le ragazze altoatesine hanno mantenuto i nervi saldi, tenendo a distanza le viterbesi e chiudendo la gara con un vantaggio più che rassicurante.
“Non c’è dubbio che dovremo avere un approccio molto diverso – commenta coach Scaramuccia – perché non possiamo pensare di disputare un’altra gara sempre di rincorsa. Bolzano è un’avversaria difficile, ha giocatrici esperte e molto valide e in casa lo ha fatto vedere molto più di quanto non sia riuscita a fare qui a Viterbo. Ci giochiamo tutta una stagione in quaranta minuti, senza prove d’appello, dobbiamo ripartire dalle cose buone fatte in gara uno e migliorare dove invece siamo stati carenti”. A referto andranno le stesse giocatrici delle due sfide precedenti: saranno loro a inseguire la permanenza in serie A2 per la Defensor.
La palla a due del match è prevista per le ore 19; la direzione di gara sarà affidata a Carlo Posti di Marsciano (PG) e Lucia Bernardo di San Nicola la Strada (CE).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI