Dedicato a…Vallerano celebra la sua storia

VALLERANO

Personaggi e avvenimenti che hanno caratterizzato il passato di Vallerano sono ricordate con “Dedicato”, una serie di serate promosse dal Gruppo Archeologico Francesco Orioli per celebrare gli accadimenti, i beni archeologici e le figure più importanti della storia del piccolo e caratteristico borgo della Tuscia.

La prima serata, che si terrà giovedì 9 luglio alle 21.30, sarà dedicata alla Chiesa della Pieve, con i suoi affreschi, la storia e la lapide dell’Ercoli. L’evento si svolgerà presso la Chiesa della Pieve.

In stile romanico della prima metà del secolo XII, la chiesa della Madonna della Pieve è stata sottoposta a restauro con due recenti interventi e rappresenta una risorsa di grande pregio artistico Il nucleo principale, costituito da due corpi absidali, risale al XII secolo. Intorno al 1500 ha ospitato i frati francescani nell’annesso convento umile e privo di chiostro e probabilmente tra la fine del 1600 e l’inizio del 1700 ha funzionato da “lazzaretto”. La tesi sarebbe suffragata dal ritrovamento di resti umani prima e durante i lavori di restauro. All’interno sono conservate tracce di dipinti murali di epoche diverse. I tratti e i decori richiamano iconografie e stili tipici di altri affreschi romanici presenti nel viterbese, come quelli absidali della Basilica di Castel S. Elia.

Il Gruppo Archeologico “Francesco Orioli” di Vallerano, costituitosi il 28 marzo 2012, si prefigge il recupero, la bonifica e la valorizzazione dei siti archeologici e di interesse storico presenti nel territorio. Altri interessi del gruppo sono la ricerca archivistica, l’individuazione di siti di interesse nel centro storico e la raccolta di testimonianze tra gli abitanti del paese.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI