Decise le sedi delle tre Clarisse di Santa Rosa: è addio

Ieri la contestazione al vescovo durante la messa di saluto alle clarisse da parte di un gruppo di fedeli. Un gesto vigoroso, che però non ha prodotto alcun effetto concreto se non quello che le clarisse di santa Rosa saranno trasferite in giornata nelle nuove destinazioni.
Ultimissime ore per loro all’interno del monastero della patrona, vicino a quel corpo divino che hanno custodito per gran parte della loro vita. La madre badessa suor Annunziata Campus destinata in Umbria a Città di Castello, suor Dolores e suor Chiara momentaneamente a Roma poi a Lugnano in Teverina in provincia di Terni. Si chiude così una storia lunga settecento anni, con l’afflizione di tanti i viterbesi che hanno sperato fino all’ultimo di vedere confermata la presenza delle sorelle al fianco delle nuove arrivate le suore Alcantarine francescane. Per intere generazioni viterbesi, le clarisse hanno rappresentato il mistero della santa patrona, la loro vita, la loro ascesi spirituale, la loro presenza silenziosa all’interno dell’antico monastero, incastonato nel cuore della città, hanno sempre affascinato. «Ringraziamo Viterbo per il bene che ci ha voluto, continueremo a pregare fino a quando vorrà il Signore». Poche parole, dette con voce flebile ma decisa, per ricambiare l’affetto nei confronti della comunità viterbese e per riaffermare l’obbedienza e il rispetto della regola alla quale hanno improntato la loro esistenza. Le tre Clarisse dovrebbero lasciare il monastero nel pomeriggio, il Natale sarà nelle nuove mete.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI