Dear Jack: una band di successo targata Tuscia

Dear Jack

C’è un solo “straniero” tra loro, è pescarese: per il resto i Dear Jack sono tutti made in Tuscia. (Tarquinia, Viterbo e Montefiascone) La banda che sta spopolando tra i giovanissimi è nata nel 2012 con l’idea di condividere la passione per la musica, da due si sono ritrovati in cinque. La successo durante Amici ha fatto la loro fortuna, le loro differenze musicali (dalla musica classica, al r&B, al metal…) hanno segnato la loro forza. L’unione nella professione ha sancito anche un legame di vita che li fa sentire come fratelli. 

ALESSIO BERNABEI – frontman DEAR JACK

Ha 20 anni, è di Tarquinia. 

Suona la chitarra, il basso, il clarinetto e il pianoforte.

Ha lavorato come barista, parrucchiere e idraulico.

Non piace alle persone invidiose e sofisticate.

Coglie l’attimo. È distratto con la testa tra le nuvole, ma è determinato sincero e romantico. Una cosa che lo fa piangere è proprio l’amore.

Dice di sé: “La mia vita gira intorno ad un sogno che è quello di vivere di musica!”

Non direbbe sicuramente grazie al suo parrucchiere!


Francesco Pierozzi –  21 anni di Tarquinia suona la chitarra e la batteria da 8 anni. Il padre è insegnante di musica e la madre è tatuatrice (la sua!). Non sopporta la puzza di piedi, le ragazze antipatiche e la gente viziata. Single da un anno pensa ancora alla sua ex. E’ molto sensibile.


Lorenzo Cantarini–  23 anni di Montefiascone, suona la chitarra da 12 anni. Vive con amici non sopporta … la tangenziale est. È pigro, permaloso, si vergogna dei suoi indici.


Alessandro Presti-  23 anni di Viterbo suona il basso da 11 anni, vorrebbe essere piu sicuro e deciso è socievole, simpatico buono e preciso. Fa sempre tutto con buoni propositi.


Riccardo Ruiu – 25 anni di Pescara. Suona la batteria da quando aveva 5 anni. Lavora come usciere all’Università di Pescara, non sopporta perdere tempo, è molto socievole, vorrebbe dire meno bugie, è egocentrico.la maglia nera da Klaus Bonoldi e vengono mandati in sfida immediata con i Canova, contro cui vincono

La band è nata nel 2012 solo con il chitarrista Francesco Pierozzi e il cantante Alessio Bernabei che incidono i singoli Realized, You Gotta Leave Right Away e collaborano ad un duetto con Brian dei Vanilla Sky dal titolo Scaring Me Now.

Nel 2013 entrano a far parte del gruppo Alessio e a Francesco: Lorenzo, Alessandro e Riccardo che sostituiscono i vecchi componenti. I Dear Jack entrano a far parte dei concorrenti del serale della tredicesima edizione di Amici di Maria De Filippi nella Squadra Blu capitanata da Miguel Bosè. La formazione viene ammessa in finale, dove otterrà il secondo posto e il premio della critica, del valore di 50.000€, assegnato dai giornalisti.

Il 6 maggio 2014 il gruppo pubblica l’album Domani é un altro film che è stato certificato disco di platino dalla FIMI per le oltre 50.000 copie vendute, dopo poco più di un mese dall’uscita. L’album è stato pubblicato dall’etichetta Baraonda Edizioni Musicali[7] ed è composto da 8 tracce pop rock, tra cui il singolo di lancio omonimo, presentato per la prima volta durante il percorso ad Amici con altri brani, tra cui Ricomincio da me e La pioggia è uno stato d’animo, quest’ultimo pubblicato come secondo singolo l’8 giugno.Il disco è stato prodotto da Enrico Palmosi, Diego Calvetti e Francesco Silvestre dei Modà. Il 3 giugno 2014 i Dear Jack si esibiscono per la prima volta ai Music Awards 2014 in diretta su Rai 1 e ritirano il Premio CD Oro per le vendite dell’album.

Nel settembre 2014, l’album viene certificato doppio disco di platino per aver venduto oltre 100mila copie.[14]Sempre nel 2014 partecipano alla colonna sonora della terza stagione della serie TV Che Dio ci aiuti con il brano Breezin’ out the Door

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI