Dalla tavola alle tavole, il successo di TusciaMisù

Storia di un successo nato a tavola e finito sulle tavole di tantissime famiglie: il TusciaMisù, che ha appena spento la sua prima candelina. E’ trascorso poco più di un anno infatti dalla sua nascita, ideato dalla passione di Marco Palombi (Cancellieri Cafè), suo fratello Michele (Dal Sor Francesco) e Salvo Cravero (chef Gambero Rosso), tutti professionisti della ristorazione, trascinati dall’idea di creare qualcosa di speciale con i migliori prodotti della Tuscia, da gustare con la facilità della monoporzione.
Dall’idea lo staff si immerge subito nella sperimentazione per trasformare il tiramisù classico in un prodotto unico, coinvolgendo alcuni produttori locali con le proprie specialità: l’Azienda Lamponi dei Monti Cimini di Bagnaia, la Società Agricola Sergio Delle Monache di Vetralla con Tamia e l’Antico Forno a Legna Fiorucci di Monte Romano. Da allora è stata una continua crescita in grado di sorprendere nelle sue varianti: Classico, Lamponi, Pistacchio, Olio Tamìa e Golosone la gamma completa, a cui si sono aggiunte la variante Zuppa Inglese, More (Azienda Agricola il Bosco Incantato) e Nocciola (azienda agricola Luca di Piero).
L’inconfondibile confezione in barattolino monoporzione diventa richiestissimo e esce dall’iniziale distribuzione di casa, al Ristobar Cancellieri Cafè di Vetralla, dove è possibile gustarlo espresso, appena fatto, tutti i pomeriggi, Quinzi Moto Cafè di Viterbo, Dal Sor Francesco e Pappallegra, estendendosi in decine di esercizi di somministrazione, bar e ristoranti.
Una crescita realizzata a passo a passo in raffronto con una clientela, che chiede, consiglia ricette e propone nuovi spunti, da cui nascono le torte TusciaMisù, in tutti i gusti possibili, per andare oltre la monoporzione e gustare un prodotto di alta qualità in compagnia.
“E’ stato tutto così veloce, un successo incredibile in pochissimo tempo – confessa Marco Palombi – realizzato anche per merito di uno team produttivo incredibile, che coinvolge la mia famiglia con Veronica, Tatiana e Donatella, che devo ringraziare, stiamo già pensando ad uno sviluppo per il 2018, pensato per i bambini, a cui daremo sempre maggiore attenzione, offrendo loro tante novità”.
Fino all’8 gennaio 2018 uno stand TusciaMisù attende i golosi al Caffeina Chistmas Village, in piazza San Carluccio.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI