Dalla pagina allo schermo: al Colasanti ne parla Flavia Conti

cinema

Quante volte sentiamo dire che il libro è migliore del film? Il libro svela i retroscena e le curiosità del percorso che ha portato molti capolavori della letteratura italiana e di quella straniera a diventare pellicole cinematografiche. Ma la strada che porta un libro a diventare film è spesso sconosciuta; si tratta di un percorso che a volte vede collaborare fianco a fianco regista e autore; altre volte invece esclude la voce dell’autore, che soffre a vedere la sua storia stravolta e i suoi personaggi snaturati. Un percorso, tuttavia, che spesso, allontanandosi dalla pagina scritta, approda a un risultato diverso e inaspettato: una nuova opera d’arte.

A parlarne sarà Flavia Conti al prossimo incontro del Mercoledì del Colasanti. L’appuntamento è per mercoledì 15 aprile alle 16 presso la Galleria d’arte Angela Consoli in via Garibaldi 35 a Civita Castellana.

L’incontro si concentrerà soprattutto su tre grandi personaggi della letteratura francese e americana del novecento: Vercors, Cocteau e Melville. Vercors, pseudonimo di Jean Marcel Adolphe Bruller, è stato uno scrittore e illustratore francese. Divenne celebre in campo letterario con “Il silenzio del mare”, un’opera di grande successo. Dopo di esso pubblicò “Il cammino verso la stella”  e un altro breve romanzo “Le armi della notte”, che si richiamava a un episodio della seconda guerra mondiale. Poi scrisse Animali snaturati e, successivamente, altri testi di narrativa, saggistica e teatro, sempre animati dall’interesse per problemi morali ed esistenziali. Jean Maurice Eugène Clément Cocteau è stato un poeta, drammaturgo, sceneggiatore, regista ed attore francese. La versatilità, l’originalità e l’enorme capacità espressiva gli portarono il plauso internazionale. Cocteau è soprattutto conosciuto per il suo romanzo “I ragazzi terribili”, la rappresentazione teatrale “La voce umana” e il film “La bella e la bestia”. Infine Herman Melville è stato uno scrittore, poeta e critico letterario statunitense, autore del romanzo Moby Dick, considerato uno dei capolavori della letteratura americana.

Il 22 aprile la prof. Patrizia Fantera terrà l’ultima conferenza del Mercoledì del Colasanti dal titolo “Cara consorte…Lettere dal Fronte”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI