Da un laboratorio di Barbarano le cravatte Unesco dei Facchini

Il nome è balzato fuori più per le nuove cravatte dei facchini, che per il negozio seppure qualificato di Via Caldarelli a Viterbo, Lo show room con insegna Viola , mette in vetrina tutti i pezzi curati ad uno ad uno nel laboratorio sartoria di Barbarano Romano.
Una bella storia di officina creativa della Tuscia, in cui ogni punto uniforma il capo pensato per il singolo dando vita alla camiceria artigianale.
Questa fucina ha a capo una donna energica Maddalena Marchesi.
Sono datati anni 70 i suoi esordi alla macchina da cucire fatti di sacrifici e passione che mano a mano accrescevano l’esperienza,
Esperienza da cui nel 1984 nasce la fabbrica di lavorazioni per conto di grandi firme specializzata in camiceria.
A Barbarano insieme alle sarte che lavorano con lei, dà vita a un’azienda tutta al femminile che porta in alto la manualità artigiana pura,
E’ li che sono state preparare le cravatte per i facchini con brand Unesco .
Il laboratorio di Viola fornisce con entusiasmo ed onore a ogni facchino la sua camicia bianca, il foulard e le cravatte in seta di rappresentanza.
La titolare Maddalena Marchesi ha consegnato loro nei giorni scorsi la nuova cravatta del Sodalizio con il simbolo Unesco.
Quando la sera del 3 settembre i 150 e passa uomini forti sfilano allineati nella loro divisa bianca, con fascia rossa c’è in Maddalena Marchesi una punta di orgoglio.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI