Cyberbullismo: l’Istituto Fantappiè incontra il dr. Flaminio Monteleone

Cyberbullismo, gli studenti dell’istituto comprensivo Luigi Fantappiè hanno incontrato il sostituto procuratore del tribunale dei minori di Perugia Flaminio Monteleone. L’incontro, tenutosi recentemente presso la sala conferenze della Provincia di Viterbo, ha visto protagonisti gli alunni di cinque classi dell’istituto scolastico (quattro classi terze e una seconda). Presente all’appuntamento anche l’assessore alla pubblica istruzione Antonio Delli Iaconi, che al termine dell’incontro ha ringraziato il dirigente scolastico Alessandro Ernestini. “Anche in questa occasione l’istituto comprensivo Fantappiè ha mostrato grande attenzione su tematiche di stretta attualità. Il dottor Monteleone, attraverso l’illustrazione di tre casi reali, trattati professionalmente in prima persona come magistrato minorile, ha letteralmente catturato l’attenzione dei ragazzi. Un importante momento di riflessione su un fenomeno sempre più diffuso tra i giovani, soprattutto in ambito scolastico”. Il magistrato durante la sua “lezione” ha parlato del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, ma anche del ruolo delle famiglie, dell’importanza delle scuole e delle istituzioni. Il recente incontro si inserisce all’interno di un grande contenitore didattico denominato Cittadinanza e Costituzione, in conformità alle indicazioni ministeriali, mirato alla promozione di azioni formative legate al valore della legalità. Sul posto le insegnanti delle classi partecipanti, tra cui la coordinatrice dell’incontro Daniela Eutizi, che ha spiegato: “Proprio l’educazione alla legalità rappresenta la disciplina trasversale che impegna, nello svolgimento dei programmi o nella proposta di attività, tutti i docenti di ogni ordine e grado del nostro istituto comprensivo. Le diverse iniziative, in cui noi tutti crediamo, sono finalizzate alla formazione del buon cittadino, alla sua crescita come persona. Proprio con questo spirito che sono state realizzate numerose iniziative, tra cui gli incontri con i poliziotti di quartiere, i vigili del fuoco, con la Questura e lo Sportello Amico. In questa ottica e su segnalazione della maestra Ilaria Lupi, in contatto con il magistrato per precedenti collaborazioni, abbiamo voluto offrire ai nostri ragazzi una lezione su un tema così delicato e attuale, proponendo non una lezione meramente frontale, ma casi veri, vissuti da ragazzi, loro coetanei”. L’incontro verrà ripetuto il prossimo 24 novembre, molto probabilmente con il coinvolgimento dei genitori degli studenti.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI