“Crescere con Lode” attiva nel progetto per Amatrice

Riceviamo e pubblichiamo:

Con delle donazioni spontanee, la collaborazione di UNIEURO, il contributo della BCC di Roma e della Soc.Coop.Agr. Lavoratori della Terra di Tuscania siamo riusciti a raccogliere i fondi per dar vita al nostro progetto per Amatrice. Il nostro desiderio non era quello di elargire l’elemosina alle persone colpite dal sisma o consegnargli una “fredda” beneficenza monetaria ma, piuttosto, manifestare loro tutta la nostra solidarietà e vicinanza… affiancarli in un percorso di rinascita con un progetto che parlasse ai loro cuori ma, al contempo, che fosse concreto e razionale. Dopo molte ipotesi ed un confronto continuo con l’Istituto Omnicomprensivo di Amatrice che, con un documento ufficiale (prot. 2949/b19) ha riconosciuto “Crescere con Lode” partner per la ricostruzione, è nata l’idea di rimediare alla perdita di tutti i supporti didattici a causa del sisma (carte geografiche, enciclopedie, libri, vocabolari, computer) con la “multimedializzazione” dell’intera scuola dell’obbligo. Abbiamo quindi acquistato dispositivi per rendere autosufficienti la scuola dell’infanzia, le 5 aule della primaria e le 3 aule delle medie. Ognuna di loro riceverà una grande smart TV wi-fi (completa di staffe di ancoraggio a parete e cavi di connessione) interconnessa ad un tablet di classe. A completare la fornitura, un computer ed una stampante/scanner/fax (il tutto per un controvalore di circa 10.000 euro). Tutto questo permetterà ai bambini, i ragazzi ed i docenti di Amatrice di colmare gran parte delle lacune didattiche che il terremoto aveva generato. Va precisato che tutti questi materiali sono stati acquistati con fondi rientrati esclusivamente per il progetto per Amatrice: nessuna risorsa di quelle destinate al nostro Istituto Scolastico è stata toccata, e le 10 smart Tv, 16 tablet, 2 computer, 2 diffusori sonori, 2 computer, 1 stampante acquistati con i proventi della “Festa di Primavera”, sono ancora nei nostri depositi in attesa di essere installati nelle nostre aule!
In una seconda fase poi cercheremo, con una serie di iniziative ed attività, di sostenere la rinascita morale di questa popolazione così duramente colpita dalla natura. Creeremo dei “ponti”, tra le nostre due città, per intraprendere un percorso che, di sicuro, arricchirà entrambe.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI