Costituite a Acquapendente e a Ronciglione le reti d’impresa “Porta Francigena” e “Gli Unicorni”.

Si chiamano “Porta Francigena” e “Gli Unicorni”. Sono le reti d’impresa costituite ieri sera, la prima ad Acquapendente, la seconda a Ronciglione. “Prende corpo il processo di aggregazione stimolato dalla Regione, che, attraverso il finanziamento dei progetti presentati, punta a rianimare le nostre realtà urbane e il tessuto di attività economiche che vi opera con interventi di riqualificazione e valorizzazione”, afferma Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia.

In entrambi i casi, l’Associazione, che ha messo a disposizione le proprie competenze già nella fase di elaborazione dei programmi, esprime il manager di rete e garantisce il supporto tecnico.

E’ stata sottoscritta, dunque, davanti al notaio, l’adesione al contratto di rete. Ad Acquapendente, dove sono ben 90 le imprese che hanno deciso di aggregarsi, l’atto è stato chiuso poco prima della mezzanotte: tutti in fila, ordinatamente, per firmare. L’organo comune, di cui fanno parte gli operatori e che ha il compito di gestire, per conto dei partecipanti, l’attuazione del programma, è qui presieduto da Elisa Guastini; vicepresidente Rita Favero, consiglieri Giuseppe Brizi, Keithy Del Bono, Roberto Goretti, Angela Mochi e Meri Pelosi.

A Ronciglione le adesioni sono arrivate a quota 35. Presidente dell’organo comune è Alessandro Ferrari, vicepresidente Ruggero Anitori, consigliere Mauro Scialanca.

Melaragni è chiaramente soddisfatta. “Si sta finalmente verificando ciò che avevamo auspicato: si è finalmente capito – osserva – che bisogna superare gli individualismi e scommettere tutti insieme su progetti che rendano più attraente il nostro territorio e aprano nuove opportunità di sviluppo. Non possiamo non registrare questa crescita culturale e una fiducia maggiore nella capacità di determinare un cambiamento positivo”.

Un ruolo importante, lo hanno giocato, in questa partita, i Comuni. “Dobbiamo ringraziare gli amministratori, che credono nel progetto e si sono impegnati per promuovere e facilitare la nascita delle reti – sottolinea la segretaria della CNA -. E’ stato prezioso il lavoro degli assessori Riccardo Crisanti e Valeria Zannoni ad Acquapendente e del consigliere Mauro Scialanca a Ronciglione. Un valido esempio di cooperazione tra istituzioni e imprese”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI