Concorso Colasanti-Lopez per dire no al femminicidio

Per dire basta al femminicidio, bisogna partire dai giovani. Ed è questo l’obiettivo che si è dato il concorso ” Colasanti – Lopez” indetto dall’Associazione Culturale Donna Olimpia Onyx in collaborazione con la Fondazione Carivit e con il patrocinio della Questura di Viterbo.

Promuovere una cultura che si basi sul rispetto della donna è stato l’obiettivo del concorso promosso da Maria Elena Piferi con Claudia Corinna Benedetti, presidente dell’Osservatorio Nazionale Permanente sulla Sicurezza e ambasciatrice di pace presso l’ONU. Il concorso era riservato agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia di Viterbo.

La premiazione è avvenuta nella sede della Fondazione Carivit in via Cavour. Estremamente toccante e significativa la riflessione proposta dal signor Tabacchi, padre della ragazza uccisa dal fidanzato a Vallerano il 18 marzo scorso.

Partecipanti:

II D Liceo linguistico Buratti, Bardi Irene, De Alexandris Marta, Lupi Giulia, Otel Constantin, Poli Ginevra, Tridici Martina;

III B Liceo linguistico Buratti , Padovani Francesca;

IV E Liceo linguistico Buratti, Aquilio Francesca, Bacocco Cecilia, Camedda Valentina, Cordoano Aurora, Corinti Federica, Fayed Shaymaa, Masi Aurora, Mazzuoli Marianna, Metz Leonardo, Piccirilli Alessandra, Saverio Andrea, Tirelli Matteo, Ceres Alice;

V A Liceo linguistico Buratti, Priori Elena;

V E Liceo linguistico Buratti  Nazifi Ambra.

Premiati per la categoria Video

1° Video realizzato da Silvia Santoprete classe V a del liceo artistico di Vignanello

2° video ideato, montato, realizzato da Leonardo Metz e interpretato da Matteo Tirelli, Stefania Alice Ramon Veres, Maria Helena Valentina Camedda Aurora Cordoano Aurora Masi Federica Corinti ShaymaaFayed Andrea Saveri Francesca Aquilio classe IV E liceo Linguistico Mariano Buratti Viterbo

Con il patrocinio di Miur Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio-Ambito territoriale di Viterbo, Fondazione Carivit, Università degli Studi della Tuscia, Osservatorio Nazionale Permanente sulla Sicurezza, Questura di Viterbo, Regione Lazio, Provincia di Parma, Biblioteca Consorziale di Viterbo, Uil Scuola Viterbo, Città di Viterbo e Comune di Vasanello.

[pp_gallery gallery_id=”77572″ width=”600″ height=”500″]

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI