Claudio Strinati parla di Guernica in Biblioteca

guernica

Guernica, il noto dipinto di Pablo Picasso realizzato dopo il bombardamento aereo della città omonima durante la guerra civile spagnola, sarà il tema del prossimo incontro alla Biblioteca Consorziale di Viterbo. A parlarne sarà Claudio Strinati lunedì 11 maggio alle 17.30 presso la Sala Conferenze della Biblioteca.

Guernica è uno dei più famosi dipinti del mondo e tra quelli più importanti realizzati da Pablo Picasso. È ispirato al bombardamento della città basca di Guernica nel 1937 ad opera dell’aviazione tedesca durante la guerra civile spagnola. Picasso con il dipinto volle esprimere la sua rabbia e far conoscere al mondo le atrocità che avvenivano nel suo paese. Il quadro è realizzato secondo gli stilemi del cubismo: lo spazio è annullato per consentire la visione simultanea dei vari frammenti che Picasso intende rappresentare. Il colore è del tutto assente per accentuare la carica drammatica di quanto è rappresentato. Il dipinto rappresenta attraverso varie simbologie le vittime, la sofferenza di donne, bambini e animali.

Claudio Strinati ripercorrerà la storia spiegando al pubblico le varie interpretazioni e simbologie che Guernica di Picasso evoca. Storico dell’arte e musicologo, Strinati attualmente è dirigente generale  del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Fino al luglio del 2009, è stato Soprintendente per il Polo museale romano. Tra le tante esposizioni da lui ideate e realizzate si ricordano quella dedicata a Sebastiano del Piombo a Palazzo Venezia a Roma nel 2008, Il Quattrocento romano sempre nel 2008 a Roma e Caravaggio organizzata alle Scuderie del Quirinale della capitale nel 2010. Da Soprintendente è riuscito a riorganizzare musei storici come la Galleria Borghese, Palazzo Venezia, il Vittoriano e a riaprire al pubblico Palazzo Barberini. Altro suo merito è di aver proceduto al restauro e alla catalogazione delle opere d’arte di Roma e del Lazio, mettendole a disposizione degli studiosi attraverso un sistema informatico che è in costante sviluppo. Lunghissima la lista delle pubblicazioni, tra libri di storia dell’arte e contributi di carattere scientifico comparsi in riviste specializzate, italiane e straniere. Scrive di arte su vari quotidiani e riviste. Gli interessi di Strinati oltre alle arti figurative comprendono anche la musica, di cui è grande esperto, tanto da curare una rubrica settimanale sul Venerdì di Repubblica.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI