Claudia Cavallo in arte Tabia: lo scatto come diario emozionale

Claudia Cavallo, in arte Tabia, è una fotografa trentenne di origini romane che vive a Vetralla. Diplomata all’Istituto per il turismo, ha scelto la fotografia da autodidatta, perfezionandosi in grafica e tecniche digitali. Agli impegni come free-lance per pubblicità, editoriali e riviste, avvicenda collaborazioni con associazioni culturali, gruppi musicali e teatrali e troupe cinematografiche indipendenti, documentandone eventi e manifestazioni, backstage e performance. Una “deriva fotografica” in crescendo, quella di Tabia, moltissimi gli scatti, quasi un’ossessione: tante delle sue immagini presentano una composizione perfetta, secondo una distribuzione degli elementi che risponde a regole ed effetti stabili. Il risultato delle sue opere  è classico, ma senza enfasi. Lo stretto legame che intercorre tra immagine e parola, in sintonia con una concezione del proprio strumento come attinenza di comunicazione. I titoli di ogni singolo scatto  sono calzanti e premono l’osservatore a scavare oltre le apparenze. In “Around me”, raccolta di ricordi personali, osa di più e i protagonisti sono nella maggior parte dei casi oggetti comuni, trasformati in simboli o emblemi di un mondo interiore. In “365+1”, il progetto che ha intrapreso nel 2012, Tabia  ha documentato attraverso 366 fotografie un intero anno di avventure, “perché ogni giorno della nostra vita è un’opera d’arte”, cogliendo in ciascuna giornata qualcosa di stimolante. I tagli obliqui, i colori saturi, le composizioni casuali, avvicinano i suoi soggetti e ce li rendono familiari. Il percorso artistico incede tra mostre, esposizioni personali e collettive. La notizia mediatica di questi giorni la vede partecipe  all’ International Contemporary Art a Trezzo sull’Adda, in provincia di Milano, nella magnifica cornice della Centrale Idroelettrica “Taccani”, adibita a enorme spazio espositivo, unico  evento d’arte contemporanea nell’ottica di’Expo 2015. Qui sono state selezionate e messe in mostra due opere fotografiche di Claudia Cavallo, giovane eccellenza della Tuscia, che pure rappresenta a tutto scatto. L’esposizione comprende più di quattrocento artisti provenienti da tutto il mondo, per un totale di circa mille opere, sotto la supervisione di Giorgio Grasso, noto critico e storico dell’arte nazionale, stretto collaboratore di Vittorio Sgarbi e di Bosmat Niron, importante curatrice d’arte internazionale. Per chi volesse visitare la mostra sino al 30 ottobre 2015, ingresso libero: Giovedì al Venerdì dalle 16:00 alle 19:00. Sabato e Domenica dalle10:00 alle 19:30 Centrale  Taccani – Via Bernabò Visconti, 14  20056 Trezzo sull’Adda, Milano Città Metropolitana. Le due opere di Claudia Cavallo in esposizione, entrambe dal titolo “Trama”, sono  il leitmotiv della fotografia della giovane artista, filone su cui ormai da tempo sta lavorando attentamente proprio per sostenere e continuare a sviluppare un proprio percorso espressivo. “Trama” è il seguito mentale di “Rifletti”, altra opera della giovane fotografa, selezionata per il volume d’arte dal titolo “Mecenati del Contemporaneo”. Una particolare pubblicazione, in edizione limitata a 1000 copie numerate, che esalta le affinità tra apprezzati manager del momento e artisti emergenti nel panorama delle arti contemporanee, scelta dalla “Commissione DiVAG” per la valorizzazione della produzione artistica di autori emergenti e la diffusione del linguaggio visivo contemporaneo e inserita nel Catalogo della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma, come testimonianza dell’arte contemporanea. Attualmente lavora come responsabile del settore fotografia in un’azienda italiana nel campo dell’alta moda. Con la macchina fotografica sempre in spalla, il terzo occhio meccanico e mentale, pronto a recepire senza sosta ogni sussurro che l’ambiente e la natura circostante possano comunicarle; lo sguardo vigile di chi è in attesa di cogliere un segreto. Lo scatto come diario emozionale della propria esperienza è la fotografia originale di Claudia Cavallo, in arte Tabia. www.artabia.com.

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI