Cinema Anticoloniale sullo schermo del Kur a Chia

kur

Una serata sul colonialismo francese con la presenza di Aude Fourel al Kur di Chia da venerdì 21 agosto alle 21.00 a sabato 22 agosto alle 23.30 saranno presentati tre documenti introvabili e censurati, tre pellicole che hanno come tema il colonialismo francese, per cui gli autori saranno perseguitati. Aude Fourel accompagnerà la visione e dirigerà il dibattito.

Ecco i tre film:

– Africa 50 (1950) 15′
– L’Algeria in fiamme (1958) 20′
– Ottobre a Parigi (1962) 70′

(tutti i film sono sottotitolati in italiano)

AFRIQUE 50
un film di René Vautier

Nel 1949, René Vautier, giovane regista di 21 anni parte per la Costa d’Avorio  per girare un documentario ordinato dalla Lega dell’Istruzione.
René Vautier arriva lì per raccontare «quello che è vero» e decide di non servire gli interessi della propaganda ufficiale, filmando ciò che vede quotidianamente: la mancanza di medici e insegnanti, i crimini commessi dall’esercito francese e lo sfruttamento delle popolazioni colonizzate. Africa 50 è il primo film francese dichiaratamente anticoloniale. Censurato dal 1950 al 1990, porterà 13 accuse a René Vautier e una condanna a un anno di carcere.

L’ALGERIA IN FIAMME
un film di René Vautier

René Vautier filma nel 1958 sulla linea del fronte i partigiani algerini che lottano per conquistare l’indipendenza e la libertà del loro paese. Per questo film sarà ricercato in Francia e incarcerato due anni nelle prigioni del GPRA in Tunisia.

OTTOBRE A PARIGI
un film di Jacques Panijel

Qualche mese prima della fine della Guerra d’Algeria, il 17 ottobre 1961, un corteo di immigrati algerini che protesta pacificamente contro il coprifuoco discriminatorio decretato dal prefetto Maurice Papon viene attaccato dalla polizia che spara sulla folla, scatena la caccia all’uomo, uccide a sangue freddo, getta cadaveri nella Senna. Nei mesi che seguono il massacro d’ottobre, Jacques Panijel, mostra in un film la vita quotidiana degli Algerini: nelle bidonville di Nanterre e Gennevilliers, gli arresti, il centro di tortura di rue de la Goutte d’or 28. Gira, con quelli che ne erano stati gli attori e sugli stessi luoghi, la preparazione e la partenza della manifestazione del 17 ottobre, resa con un montaggio d’archivio, foto, immagini filmate e testimonianze.
Dopo anni di copie sequestrate e proiezioni vietate dalla censura, nel maggio del ‘68 il film è proiettato al cinema Les Trois Luxembourg, insieme a La battaglia d’Algeri. Nel 1973, dopo uno sciopero della fame del regista René Vautier, il film ottiene un visto della censura, senza però essere distribuito. Nel 1981 alcune promesse di diffusione in televisione non hanno seguito. Le copie disperse di Octobre à Paris non sono visibili. Continua un’altra forma di censura subdola.
Nell’ottobre 2011, in occasione del cinquantenario della strage, le edizioni Montparnasse pubblicano il primo DVD di Octobre à Paris, ma il film non è citato nel Dizionario del Cinema Francese.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI