Christina martyr a Volsinii: celebrazioni Santa Cristina a Bolsena

Seguirà alla tradizionale rappresentazione dei Misteri (la notte del 23 e la mattina del 24),nel programma delle celebrazioni per Santa Cristina a Bolsena il Club per l’UNESCO Viterbo Tuscia, in collaborazione con la Sovrintendenza Archeologia per il Lazio e l’Etruria meridionale e con il Comune di Bolsena, organizza l’evento “Christina martyr a Volsinii. Dalla tradizione etrusco-romana al Cristianesimo”.
La manifestazione, che si svolgerà lunedì 25 luglio alle ore 18,30 nel Foro dell’area archeologica diVolsinii, vuole essere un’occasione per creare un collegamento tra l’eredità etrusco-romana della città e il successivo imporsi della sua rilevante tradizione cristiana, fornendo ai turisti presenti per la festa di Santa Cristina alcuni spunti per una conoscenza più complessiva del patrimonio storico-culturale di Bolsena e della Tuscia.
A dare il via all’incontro sarà Luciano Dottarelli, presidente del Club per l’UNESCO Viterbo Tuscia e autore del libro “Musonio l’Etrusco. La filosofia come scienza di vita”, dedicato al filosofo stoico Musonio Rufo, originario di Volsinii.
Seguiranno gli interventi di Enrico Pellegrini, funzionario responsabile della Sovrintendenza Archeologia per il Lazio e l’Etruria meridionale, che presenterà l’area del foro dove si sarebbe svolto il processo alla martire cristiana narrato dalla tradizione; di Marcello Moscini, docente di Storia dell’arte e principale studioso del culto e dell’iconografia di Santa Cristina che illustrerà la figura della martire; di Pietro Tamburini, etruscologo e Direttore del Museo territoriale del lago di Bolsena, che parlerà del culto di Voltumna, trapiantato da Orvieto a Bolsena e in seguito sostituito dal culto di Cristina.
Ilaria Ramelli – studiosa di prestigio internazionale del cristianesimo delle origini e della filosofia antica, tra l’altro curatrice delle Diatribe di Musonio – parlerà poi degli aspetti giuridici delle persecuzioni anticristiane in età romana.
A seguire, Quirino Galli, Direttore del Museo delle tradizioni popolari di Canepina presenterà il suo recente lavoro sulla tradizione drammaturgica legata ai Misteri di Santa Cristina, che è ospitato sul penultimo numero della rivista “Biblioteca e Società”, pubblicata a cura del Consorzio Biblioteche di Viterbo.
Per l’occasione Paolo Pelliccia, Commissario straordinario del Consorzio Biblioteche e Andrea Alessi, Direttore scientifico del Museo della Città di Acquapendente e Coordinatore editoriale di “Biblioteca e Società”, presenteranno in anteprima l’ultimo numero della rivista che, con la sua nuova serie, si è conquistata uno spazio di prestigio e autorevolezza sia nel panorama culturale della Tuscia che in quello nazionale.
Al termine degli interventi il soprano Simonetta Chiaretti eseguirà alcuni brani ispirati al dramma sacro “La trionfatrice Cristina” di Gaspare Licco (XVI secolo), oltre all’inno Christina Martyr inclita (testo del IX-X sec.).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI