Chef Laura Belli: le ricette del Menù dei papi agli operatori

Lei chef, titolare dei Giardini di Ararat, incaricata dalla Fondazione Caffeina Cultura quale soggetto capofila vincitore di uno dei bandi della Regione Lazio riguardanti il tema principale di EXPO, ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la vita’, di realizzare il “Menù dei Papi, il mangiare dei pellegrini. Storie, cibi e spiritualità sulle strade della Tuscia”.
Il progetto, ideato da Francesca Durastanti: “Nasce dalla volontà di porre il cibo, con le sue peculiarità, al centro di una rilettura innovativa delle origini medievali di Viterbo.
Al momento partecipano, in maniera attiva, 34 ristoratori e 32 botteghe artigiane, ogni giorno aumentano le strutture che manifestano il loro interesse a partecipare.
Lunedì scorso, ricette e prodotti che costituiscono i piatti del menù sono state presentate ufficialmente agli operatori della rete, che hanno avuto modo di conoscere sia le modalità di preparazione delle varie portate che i produttori locali i quali hanno presentato le loro specialità: dalla Cannaiola ai lamponi, dai funghi al coniglio leprino, dal miele alla nocciola.
“Il menù che ho elaborato – ha spiegato la chef Laura Belli – si basa su una ricerca condotta insieme alla dottoressa Maria Tardani, laureata in Museologia, e si sviluppa da una reinterpretazione delle emergenze storiche legate all’età medievale, punto di partenza per una rielaborazione, in chiave moderna, di quelle che erano le pietanze che caratterizzavano la tavola papale. Ovviamente il menù è stato reso ordinabile.
Sono stati utilizzati tutti prodotti rigorosamente locali, per far sì che le aziende possano usufruire di una straordinaria vetrina mediatica ed il progetto diventi una fotografia della Tuscia.
La creazione di un menù, proposto durante la manifestazione Caffeina con cene e showcooking, proietterà ai grandi visitatori dell’evento la incisiva tradizione storica e culinaria della Tuscia coniugata secondo i “criteri expo” : ripartire dal passato per crescere nel futuro mangiando sano con i criteri di una volta.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI