Cattedra Jean Monnet per promuovere integrazione europea

unitus

Era l’obiettivo di MedEu (The Mediterranean Europe in the European integration process) quello di realizzare anche all’Università degli Studi della Tuscia una Cattedra Jean Monnet, obiettivo raggiunto con l’assegnazione della Cattedra al professore di Storia Contemporanea Maurizio Ridolfi.

MedEu promuove la conoscenza dei processi di integrazione europea, focalizzando l’attenzione in particolare sull’area del Mediterraneo inteso come spazio di scambio e di integrazione. L’obiettivo del progetto sarebbe quello di stimolare la conoscenza delle politiche e del governo in Europa tramite l’uso e il confronto delle discipline della storia, della politica, dell’economia e delle scienze sociali, in modo da offrire una conoscenza più consapevole delle politiche europee nel Mediterraneo.

Il corso di “Storia d’Italia e del processo di integrazione Europea” tenuto dal professor Ridolfi ha ricevuto il riconoscimento dell’Unione Europea come Cattedra Jean Monnet per il triennio 2014-2017, con l’intento di sviluppare il progetto su “The Mediterranean Europe in the European integration process: spaces and policies, cultures and societies”.

Il corso, destinato agli studenti dell’indirizzo di Scienze Politiche e delle relazioni internazionali che abbiano già seguito i corsi di Storia Contemporanea e Scienza Politica, ha preso il via a marzo e vuole fornire un quadro approfondito sulle trasformazioni politico-istituzionali, socio-economiche e simbolico-comunicative nell’Italia del secondo dopoguerra in relazione al processo di costruzione dell’Unità Europea e dello specifico contesto Mediterraneo.
Il corso, in linea col percorso della Cattedra Jean Monnet, è accompagnato da un laboratorio costituito da numerosi seminari anche con docenti esterni, per coinvolgere gli studenti in dibattiti, confronti e approfondimenti, ed esercitazioni sul tema “L’Europa mediterranea nell’integrazione europea”.

Un altro progetto che coinvolge l’Unitus donandole ulteriore prestigio.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI