Canino, cantine aperte per la Sagra dell’Olivo

Dal 29 novembre all’8 dicembre, una grande festa celebra il prodotto sovrano di un intero territorio : torna a Canino, il gustoso appuntamento con la “Sagra dell’Olivo”.

Manifestazione, giunta ormai alla 54esima edizione, nella quale è possibile scoprire il legame tra il paese della Maremma Laziale e il suo prelibato extravergine dop, fra i più rinomati ; una unione che affonda le proprie radici in antiche ricette affidate di padre in figlio, che hanno concepito una tradizione che nella patrimonio di conoscenze millenarie sostiene una’economia che si lega ancora sulla spremitura delle olive. Visite ai frantoi, convegni, rievocazioni storiche, mostre, oltre ovviamente alle degustazioni, rigorosamente muniti di pane abbrustolito: parte del ricco programma è incentrato sull’olio di oliva; ma la grande novità di questa edizione è rappresentato da “DrakariA, il villaggio del Drago”, un gioco di ruolo interattivo dal vivo a cui parteciperanno i più importanti gruppi fantasy d’Italia.

I festeggiamenti prenderanno il via il 29 e 30 novembre con le caratteristiche “Cantine aperte”, la manifestazione “Canino sposi” e la tradizionale scampanata di Sant’Andrea per le vie del paese. Da mercoledì 3 dicembre si entrerà nel vivo della manifestazione che vivrà il momento culminante domenica 7 e lunedì 8 dicembre con il mercato dell’artigianato e la rievocazione storica per le vie del paese, le mostre fotografiche, gli spettacoli teatrali, il corteo storico, le visite guidate, il “record più dolce” (ovvero il pizzicotto e il mostacciolo più grande del mondo) e il “guinnes dei primati” (la bruschetta più grande del mondo) ovviamente con l’olio extravergine di oliva di Canino.

Il programma accentrato in due week end , secondo appuntamento 7 e 8 dicembre, ”, Canino lega il loro nome a Luciano Bonaparte, ad Alessandro Farnese ,papa Paolo III – che qui vissero e furono sepolti e vi si trova traccia

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI