Il Contrappunto e Camerata Polifonica Viterbese: successo al Duomo di Milano

Alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, del professor Philippe Daverio, di Mons. Gianantonio Borgonovo, del sovrintendente della Veneranda Fabbrica del Duomo e di molte altre personalità di spicco, l’Ensemble Vocale “il Contrappunto” e la Camerata Polifonica Viterbese “Zeno Scipioni” si sono esibiti nella suggestiva cornice del Duomo di Milano nella cantata “Cum grande humilitate” composta da Cinzia Gangarella, all’interno del progetto ideato da Ottavia Fusco che si è distinta anche nel ruolo di voce solista. Un’opera prima di grande impatto emotivo che ha voluto raffigurare nella pluralità delle voci e delle percussioni, le creature del cantico di San Francesco.

Numerosissimo il pubblico che ha atteso in ordinata fila per entrare nel Duomo ad assistere all’evento e che ha applaudito entusiasta l’esecuzione.

Direttore del concerto il maestro Fabrizio Bastianini, reduce dal Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart eseguito qualche settimana fa al cimitero monumentale di Viterbo. “Il brano del maestro Gangarella è uno splendido esempio della vitalità della musica classica” dice Bastianini, anch’egli compositore. “Alla soddisfazione di essere stato chiamato a dirigere questo importante evento si unisce quella di aver portato il nome della città di Viterbo in un luogo così prestigioso. L’Ensemble Vocale il Contrappunto e la Camerata Polifonica Viterbese Zeno Scipioni hanno degnamente rappresentato la competenza e la bravura dei musicisti viterbesi”. I due cori sono stati infatti molto apprezzati da tutti gli intervenuti che hanno a più riprese elogiato l’esecuzione definita “impeccabile”.

Straordinaria per emotività e presenza scenica l’interpretazione evocativa e coinvolgente di una ipnotica Ottavia Fusco. La lectio magistralis del celebre storico dell’arte e divulgatore Philippe Daverio ha poi deliziato il pubblico, aggiungendo notizie sull’iconografia di San Francesco che hanno contribuito a rendere ancora più intellegibile il testo della cantata.

Un volume sulla città di Viterbo, gentilmente donato dall’Amministrazione, è stato consegnato con i saluti del Sindaco al sovrintendente della Veneranda Fabbrica del Duomo dai Presidenti dei due cori, Giuliano Nisi e Antonio Maltese.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI