Caliban Studios: per mettersi in gioco sul palco

Parte il corso di teatro dell’Acting School Studio del Personaggio. Il corso è aperto a tutti, anche a coloro che non hanno mai avuto esperienza con il teatro. La lezione di prova gratuita si svolgerà mercoledì 29 ottobre alle ore 19 presso il cinema Lux di viale Trento, 3 a Viterbo. 

Il corso è a cura di Francesca Bartellini  Per la lezione di prova gratuita è consigliabile la prenotazione tramite mail a: info@calibanstudios.it, o contattando il numero telefonico:

340.8617264. 

CALIBAN STUDIOS, la scuola di tetaro

La scuola di teatro “Caliban Studios” è diretta dalla regista, scrittrice e attrice Francesca Bartellini e nasce, nell’ottobre del 2013 dall’incontro professionale di Francesca e il responsabile artistico del cinema Lux Carlo Bonomi.Entrambi hanno condiviso il progetto di creare a Viterbo un centro teatrale nuovo, che potesse attrarre attori neofiti e professionisti, interamente dedicato allo studio del personaggio e al suo processo di creazione. Il progetto ha trovato anche l’entusiasmo del direttore del cinema Lux Enrico Corsini che, condividendone le finalità artistiche e culturali, ha messo a disposizione il proprio locale per lo svolgimento del corso.

Pochi mesi più tardi la scuola ha aperto una sua seconda sede nel centro di Roma conservando, comunque, Viterbo come punto nevralgico dell’associazione.

Francesca Bartellini ha lavorato come attrice, scrittrice e regista di teatro negli Stati Uniti e in Europa. Un suo testo e’ stato messo in scena a New York a Off-off Broadway dalla compagnia Miranda Theater diretta da Valentina Fratti. La sua agente letteraria a New York e’ Judy Boals che rappresenta autori quali Tom Stoppard o Sam Shepard. Uno dei suoi lavori teatrali è andato in scena diretto da lei a Chicago all’Organic Theater, teatro fondato da David Mamet. Suoi testi teatrali sono arrivati finalisti a competizioni internazionali indette dallo Steppenwolf Theater di Chicago (teatro fondato da John Malkovitch e Meryl Streep) e dal Public Theater di Cleveland. Altri suoi lavori sono andati in scena a Parigi e in Italia.

La tragedia Gli Angeli di Mastemoth è arrivata finalista al Premio IDI .Inoltre ha recitato in teatro negli Stati Uniti, in Francia e in Italia ed ha partecipato ad alcuni film internazionali in qualità di attrice, lavorando anche con Jane Campion.Ha recitato, tra l’altro, al Théâtre Petit Hebertot, all’interno di un Festival di teatro in inglese, un suo monologo basato sulle lettere di Emily Dickinson e Mon coeur mis à nus di Charles Baudelaire.Ad Atene al Teatro Epikolono ha co-scritto e diretto nel gennaio 2004 il one-man show Menippo sulla luna .

Nel 2012 ha diretto al Teatro Litta di Milano La Febbre con Giulio Casale, testo co-scritto con Casale stesso. Il 27 e 28 settembre 2014 Francesca Bartellini (in veste di attrice e drammaturga) condividerà il palco con il grande GIANCARLO GIANNINI all’interno del Festival Internazionale di Teatro “Quartieri dell’arte” nella straordinaria cornice di Palazzo dei Papi a Viterbo, interpretando il suo monologo “Sermones” diretta da Adriano De Santis.

Sta terminando il testo teatrale L’anima e il ritratto destinato alla regia teatrale di Valentina Fratti a New York.

Francesca Bartellini ha pubblicato poesie sulla rivista Poesia di Nicola Crocetti e sulla rivista Secondo Tempo dell’editore Marcus di Napoli. Ha pubblicato estratti di un suo saggio sulla Rivista internazionale diretta da Elio Pecora, Poeti e poesia e sulla Rivista Poesia e Spiritualità, diretta da Antonella Bisutti.

Nel maggio 2010 è uscito il suo libro “La scomparsa della sfera del fuoco e la nascita del fuoco d’amore o come la Modernità nasce perdendo la natura” da Joker edizioni e fu presentato alla Fiera internazionale del libro di Torino 2010.

Nel maggio 2012, sempre da Joker edizioni, è uscito il suo monologo teatrale “Sermones” presentato alla Fiera Internazionale del libro di Torino 2012. Il monologo è stato rappresentato da Francesca Bartellini il 27 e 28 settembre a Palazzo dei Papi all’interno della manifestazione culturale “Quartieri dell’Arte” e l’attrice ha condiviso il palco con il grande Giancarlo Giannini. 

Francesca Bartellini ha insegnato a Parigi, Viterbo e Roma tecnica teatrale e cinematografica relativa all’acting.

“Ogni attore, o aspirante tale, conosce bene il suo desiderio di essere reale in scena. Reale, vero, sincero. Diventare cioè un essere umano diverso da sé ma con emozioni proprie e specifiche.

Essere vero, reale in scena: una decisione che ogni attore può prendere, ma spesso non riesce a fare”

(F. Bartellini)

Programma del corso 

1) IMPARARE A TRASFORMARSI : MEMORIA SENSORIALE E PENSIERO ORGANICO

2) GESTO PSICOLOGICO E LIBERAZIONE DELL’IMMAGINAZIONE

3) LO SPAZIO INTENZIONALE

4) IL SORGERE DELL’ ISPIRAZIONE SPONTANEA

5) ATMOSFERA E SENSO DELLA VERITA’

“Aiutare a capire perchè su ogni attore grava spesso un peso a volte quasi insopportabile che gli impedisce di essere reale, ecco il mio compito!

Operarmi affinchè ciascun partecipante al corso possa diventare un attore vero, rilassato e concentrato allo stesso tempo, libero di interpretare qualsiasi ruolo, con la gioia di trasformarsi in ‘altro da sé’

Rendere il proprio ego ‘elastico’ e aperto al diverso, ecco il nucleo del mio insegnamento.

Scegliere di essere un vero attore è in realtà una decisione etica.

Il recitare e l’interpretare un testo scritto fanno parte di uno stesso processo organico durante il quale accade che l’autore solleciti la propria immaginazione creando nuove realtà attraverso la scoperta di un suo spazio creativo specifico che possiamo definire come intentional dream space. All’interno di questo spazio noi ci proiettiamo consciamente in una realtà immaginata che vogliamo esplorare e capire.

Per poter interpretare una qualsiasi scena dobbiamo innanzitutto entrare nel mondo del testo teatrale che abbiamo scelto esplorandolo attraverso ogni nostra sensazione.

E’ solo in questo modo che il testo stesso può indicarci ‘ la via da seguire’.

Per tale motivo esiste un legame intrinseco tra il recitare e la drammaturgia stessa, un legame molto antico. La figura del regista compare solo nel XX secolo…

Il mio sistema di lavoro deriva dalla fusione del metodo di John Strasberg sulle nove leggi della creatività, basate su di una specifica interpretazione dello OSA (Organic Script Analysis) con il metodo di Michael Cechov sulla composizione del personaggio.

Appoggiandomi talora anche sul metodo dell’improvvisazione farò uso della tecnica della memoria sensoriale per liberare il processo immaginativo”.

Le lezioni si svolgeranno da ottobre 2014 a giugno 2015 con rappresentazione finale.

Info e contatti:

www.calibanstudios.it

info@calibanstudios.it

Pagina Facebook: Caliban Studios

Tel. 340.8617264

Indirizzo: Viale Trento 1, Viterbo

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI