Calcatronica: tre giorni di musica e cultura elettronica a Calcata

calcatronica

Tre giorni di full immersion nella natura, nella musica e nella cultura elettronica, nel caratteristico borgo di Calcata vecchia, all’insegna dell’arte e della sperimentazione. È Calcatronica, festival dedicato alla ricerca e alla sperimentazione elettronica in programma nel borgo di Calcata vecchia dal 14 al 16 agosto.

Il festival è nato da un’idea di John B. Arnold, batterista jazz di fama internazionale e musicista elettronico di origini newyorchesi residente a Calcata, coadiuvato nella direzione artistica dal musicista, produttore e speaker radiofonico Alex Amptek Marenga. Giunto alla terza edizione, è promosso dall’associazione culturale Artisti di Calcata in collaborazione con Wired Society, Eclectic Productions, Casa Studio Morosin, Opera Bosco, Etruria Turbosound, Natural, Il Granarone, La Grotta dei Germogli e la trasmissione radiofonica Musica Machina.


Alcuni dei nomi dell’edizione 2015 sono Fire at work, D’Arcangelo, Tau Ceti (Enrico Cosimi), Angelina Yershova, Spectrex, Fabio Sestili, Entropia Techno Department, H501L, Nicola Alesini, Silvia Trix, Paolo Zerla, Vera Di Lecce, Kenny Dahl.

Inoltre quest’anno il festival sarà dislocato in diverse location di Calcata che oltre ai concerti ospiteranno seminari e incontri.


Venerdì 14 e sabato 15 agosto la sala conferenze de Il Granarone ospiterà delle per scambiare esperienze e opinioni sulla musica elettronica con i curatori del festival. Il main stage sarà il Teatro alla Greca dove dal pomeriggio si esibiranno gli artisti. La dream room della Gritta dei Germogli ospiterà interventi di artisti del luogo o di passaggio. Nella techno room del Natural Bar andrà in scena la techno più interessante del momento. Infine presso Casa Studio Morosin si alterneranno gli artisti che fanno della contaminazione con altri linguaggi la propria cifra stilistica.

Domenica 16 agosto il festival si trasferirà ad Opera Bosco, Museo di Arte nella Natura fondato da Anne Demijttenaere  e da Costantino Morosin. Qui si svolgerà la festa di chiusura del festival, dove Jonas Clementoni designer e percussionista, uno degli organizzatori della rassegna e abitualmente curatore degli eventi musicali di Opera Bosco e Casa Studio Morosin, invita i musicisti a relazionarsi con i suoni ambientali della valle di Calcata. Il teatro all’aperto di Opera Bosco e i freschi ipogei preistorici di Casa Studio Morosin accoglieranno infine originali proposte ispirate a questa ricchezza di fonti che oltre ai suoni urbani danno ispirazione e forza creativa alla musica elettronica contemporanea.

Dal 14 al 16 agosto presso il borgo di Calcata vecchia

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI