Calcata, reti di protezione dal guano dei volatili

Reti antipiccione installate a Calcata nel Parco Valle del Treja

A Calcata si sono conclusi i lavori che riguardano la presenza dei piccioni nel centro storico del magnifico borgo della Tuscia. Il Parco del Treja ha finanziato e realizzato un intervento per mitigare la presenza dei volatili. Sono state installate reti e dissuasori per eliminare la possibilità che piccoli anfratti, davanzali, cornici, fili elettrici, finestre, o intere pareti di tufo siano usate dai piccioni per fare i nidi. È stato possibile intervenire senza troppi problemi burocratici in quanto gli interventi sono stati realizzati su immobili di proprietà dell’Ente Parco.
La comunità dei piccioni nidificanti a Calcata è di circa 150 esemplari, sono molti in relazione ai piccoli spazi del centro storico. L’ingresso del paese è sottoposto da tempo a una forte presenza di guano, che in caso di pioggia o di semplice umidità, rende pericoloso camminare sui sampietrini. Le molte operazioni di ripulitura avevano dato finora risultati soddisfacenti solo momentanei; con le reti i piccioni saranno costretti a spostarsi e il loro guano non renderà più scivolose le salite di accesso al paese.
“Le reti che abbiamo installato – osserva il Presidente del parco Luciano Sestili – seguono specifiche richieste dell’amministrazione comunale e le sollecitazioni di diversi residenti. I piccioni si sposteranno in altri posatoi, non più in diretta corrispondenza con gli archi di accesso al centro storico. Siamo consapevoli della delicatezza di un intervento che deve contemperare la presenza degli animali e la sicurezza del camminare per residenti e turisti. Era un intervento non più rinviabile, per la difficile situazione che si veniva a creare all’entrata di Calcata.”
Foto di Roberto Sinibaldi

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI