Caffeina, Roberto Vecchioni e il suo libro a Mammagialla


vecchioni

Caffeina non è soltanto incontri in giardini, strade e piazze di Viterbo. Ma è anche solidarietà, vicinanza a coloro che al Festival magari vorrebbero partecipare, ma che non possono.

Mercoledì 1 luglio alle 15, Roberto Vecchioni porterà Caffeina all’interno della Casa Circondariale Mammagialla a Viterbo, un incontro con i detenuti per ricreare in carcere l’atmosfera del festival e per contribuire con un piccolo gesto a migliorare la qualità della loro vita.

Il cantautore parlerà del suo libro Il Mercante di luce, il racconto triste di un padre, Stefano, che prima che sia troppo tardi, vorrebbe trasmettere al figlio malato quanto ha di più suo. Marco, diciassette anni, sta vivendo gli ultimi giorni della sua giovane vita a causa della progeria, una malattia che accelera vertiginosamente lo scorrere del tempo condannandolo ad una vecchiaia precoce. Suo padre Stefano è un uomo fuori dagli schemi, imperfetto e pieno di difetti, un professore di letteratura greca deciso a trasmettere a suo figlio, prossimo alla fine, tutto quello che possiede: la conoscenza e la sua cultura infinita. Marco, un ragazzo sveglio e curioso, è pronto a ricevere tutto quello che il padre può dargli, emozionandosi di fronte a tutto ciò che, grazie agli insegnamenti del genitore, scopre ogni volta. Chi tra i due è allora il Mercante della luce?

Incentrato sull’amore per i libri e per la vita, Il Mercante di luce ruota intorno a un grande paradosso: un padre frustrato e deluso dalla vita che vuole, e deve, insegnare al figlio morente ad amarla.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI