Borse Lavoro per 41 over 30 dal comune di Viterbo

Donatella Agostini

Il comune di Viterbo, insieme al Centro Orientamento Lavoro, in prima linea per i disoccupati nella fascia dai 30 ai 55 anni: è stato presentato, nella mattina del 17 luglio, il bando che prevede l’assegnazione di 41 tirocini, di cui 9 destinati a soggetti aventi invalidità pari o superiore al 67%, che dovranno agevolarne l’inserimento lavorativo. “Se al momento attuale i ragazzi fino ai 29 anni d’età sono supportati da “Garanzia Giovani”, coloro che invece appartengono alla fascia dai trenta ai cinquantacinque anni stentano a trovare un’occupazione, anche per mancanza di agevolazioni. Persone che tendono a sentirsi lavorativamente escluse, quando ancora hanno molto da dare in termini di produttività. Senza contare che quasi sempre hanno la responsabilità di una famiglia”, ha esordito l’assessore alle Politiche sociali del comune di Viterbo, Alessandra Troncarelli, intervenuta a Palazzo dei Priori per la conferenza stampa di presentazione del progetto, insieme a Carmine Di Filippo, del Centro Orientamento Lavoro comunale. “È più dignitoso per un individuo vivere della retribuzione per il proprio lavoro, piuttosto che beneficiare di sussidi e ammortizzatori sociali, che pure sono importanti. Abbiamo pensato di far convergere la domanda, rappresentata da coloro che in età matura si trovano improvvisamente senza lavoro o non hanno mai lavorato, con l’offerta rappresentata dalle aziende che pure sono in cerca di figure lavorative similari”. Ed ecco il bando, in base al quale il finanziamento andrà a quelle imprese disposte a valutare per tre mesi la collaborazione di soggetti scelti per le loro particolari situazioni di svantaggio socioeconomico, soggetti che verranno retribuiti con 400 euro mensili. Al termine di questo periodo, le stesse imprese saranno libere o meno di stipulare regolari contratti lavorativi, a eventuale consolidamento del tirocinio svolto. Il comune di Viterbo continua l’azione volta a mitigare le condizioni di disagio socioeconomico dei propri cittadini, iniziata lo scorso anno con il progetto analogo “Nessuno escluso”. “Nel 2016 a fronte di un budget di 35mila euro, con 22 borse attivate, sono stati 4 i contratti effettivamente andati a buon fine. Quest’anno le risorse sono state aumentate a 60mila euro” ha continuato Alessandra Troncarelli. Le domande potranno essere presentate in forma cartacea all’ufficio protocollo del Comune di Viterbo, oppure inviate tramite Posta Elettronica Certificata, entro il 28 agosto prossimo. I requisiti per la presentazione della domanda sono: Isee pari o inferiore a 10mila euro, cittadinanza italiana, europea o regolare permesso di soggiorno, essere residenti nel comune di Viterbo da almeno 36 mesi, essere disoccupati/inoccupati da almeno 12 mesi, non beneficiare attualmente di altri ammortizzatori sociali, non aver partecipato al progetto dello scorso anno. Il punteggio verrà attribuito anche attraverso un apposito colloquio volto a determinare le capacità attitudinali e la motivazione di ogni candidato. Altri dettagli sono consultabili sul sito del Comune di Viterbo.
www.comune.viterbo.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI