Belcolle: work in progress sulla strada della qualità

Luciano Costantini

Arrivano due nuovi direttori nelle unità operative di Otorinolaringoiatria e di Neurologia all’ospedale di Belcolle: Claudio Viti e Riccardo Ricciuti. Non si tratta di un semplice avvicendamento in corsia, ma di un arricchimento delle professionalità che il nosocomio viterbese mette a disposizione della collettività. Il miglioramento della qualità del servizio è il chiodo fisso (e per fortuna) del direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti: “Proprio sulla qualità stiamo facendo i più forti investimenti”. E’ di pochi giorni fa l’inaugurazione dell’ingresso principale del nosocomio e l’impegno (ribadito dal governatore del Lazio Zingaretti) per lo stanziamento di nuovi fondi; saranno disponibili, in tempi relativamente brevi, nuove attrezzature e nuove sale operatorie con l’obiettivo di trasformare l’azienda sanitaria viterbese da sistema disastrato (anche economicamente) a esempio virtuoso. Insieme ai due nuovi direttori di Otorinolaringoiatria e Neurochirurgia, arriveranno anche 22 nuovi infermieri e una trentina saranno stabilizzati. “Perché è ovvio – ha spiegato la Donetti in corso di conferenza stampa venerdi 20 ottobre – per far funzionare un’azienda serve anche il personale”. Il livello di qualità si misura anche attraverso la presenza sul territorio. “Non dobbiamo soltanto curare i pazienti, ma prenderci cura di loro creando un team che lavori in sinergia con i vari presidi ospedalieri della Tuscia”. Un esempio positivo e significativo può essere quello citato da Sandro Zucchi, responsabile del reparto Riabilitazione di Belcolle: “Stiamo trasformando il reparto di lungodegenza di Montefiascone in un sito per la riabilitazione. A fine anno potranno essere creati 16 posti”. “Il resto verrà, sono abituata a realizzare i progetti che prendo in carico”, parola di Daniela Donetti.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI