Atleti del deserto: al Teatro Null di Sipicciano

abate

Per la stagione “Teatri in movimento”, curata dal Teatro Null Officina culturale della Regione Lazio, appuntamento sabato 12 dicembre ore 21,15 all’Ecomuseo di Sipicciano con “Atleti del deserto” di e con Gianni Abbate.

Lo spettacolo s’inserisce nel filone del teatro di narrazione, dove la parola evocativa fa rivivere agli spettatori forti emozioni, mischiando il senso tragico della vita con il sorriso, e giocando sempre sul filo dell’ironia. Un teatro popolare e civile che racconta di piccole e grandi cose che fanno la nostra esistenza.

Il racconto è un flusso di parole tra fantasie e ricordi, anche autobiografici, che ci riportano indietro nel tempo in una Napoli e un mondo forse più a misura d’uomo, lontano dalla condizione odierna, dove siamo sospesi in un eterno presente, tra paure planetarie e consumo sfrenato e dove le disuguaglianze sociali si fanno sempre più profonde. In questa caricatura di mondo, dove tutto è stato programmato e livellato da una sorta di “grande fratello”, senza possibilità d’uscita o d’interferenza, difficile anche per il più esperto degli “hacker”, il nostro protagonista è come se improvvisamente si risvegliasse, anzi, come se per la prima volta aprisse gli occhi sulla realtà che lo circonda. Pensa si tratti di un brutto sogno, ma gli basta un attimo per comprendere che questa visione è la realtà, la triste realtà.

Presa coscienza delle brutture e dei guasti che lo circondano, d’impulso scappa! Non sa dove, non sa nemmeno se esiste un altrove, ma scappa, ed è in questo andare via che ritrova se stesso, un contatto profondo con la natura e la memoria di un passato lontano, ma non del tutto cancellato, che riaffiora attraverso la propria lingua, quella “originaria”, il napoletano, in tutta la sua forza deflagrante. Il monologo, come una partitura musicale, è supportato da una colonna sonora, ideata dallo stesso Abbate, che ne sottolinea i vari passaggi. Uno spettacolo intenso da non perdere.

Info: 3471103270 – www.iportidellateverina.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI