Ascanio Celestini a Civita Castellana con Racconti d’estate

ascanio celestini

Per il Festival Storie di Lavoro 2015 diretto da Ferdinando Vaselli, Ascanio Celestini porta a Civita Castellana i suoi Racconti d’estate. L’evento è in programma domenica 31 maggio alle 21 al Teatro Cinema Florida di Civita Castellana.

Per Ascanio Celstini il teatro è il luogo più adatto per portare tra la gente il confronto, per riflettere sui momenti chiave della nostra storia senza mai dimenticare i riflessi umani, individuali e sociali di certi avvenimenti. Nei suoi Racconti d’estate rivede i meccanismi classici delle storielle comiche e, facendo sì che qualcosa si inceppi, si cimenta con le verità scomode del mondo. “Fiabe per adulti che volevano essere bambini cattivi”, come spiega l’artista: “incominciamo a ridere come da ragazzini ridevamo del fantasma formaggino e poi, invece di immedesimarci in Pierino, ci troviamo spalmati sul panino”.

Ascanio Celestini, narratore di storie in cui il lavoro è sempre centrale, nel presentarsi sul suo sito usa queste parole: “Mi chiamo Ascanio Celestini, figlio di Gaetano Celestini e Comin Piera. Mio padre rimette a posto i mobili, mobili vecchi o antichi, è nato al Quadraro e da ragazzino l’hanno portato a lavorare sotto padrone in bottega a San Lorenzo. Mia madre è di Tor Pignattara, da giovane faceva la parrucchiera da uno che aveva tagliato i capelli al re d’Italia e a quel tempo ballava il liscio”. Quindi prosegue elencando i mestieri dei nonni, per rimarcare le sue radici, e in tutta la sua produzione, declinata in teatro, narrativa, documentari e canzoni, Celestini parte da questo presupposto: dimmi che lavoro fai e ti dirò chi sei. Le sue opere si innestano nel cosiddetto teatro di narrazione, dove l’attore-autore fa da filtro, con il suo racconto, fra gli spettatori e i protagonisti dello spettacolo. I suoi spettacoli sono caratterizzati da una scenografia essenziale, con i movimenti ridotti al minimo.

Il Festival Storie di Lavoro è promosso con il patrocinio del comune di Civita Castellana e del “Distretto Creativo” dell’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio. Il Festival è un progetto dell’Associazione Percorsi ed è diretto da Ferdinando Vaselli, è nato nel 2007 dall’esigenza di dare risalto al mondo lavorativo nella sua complessità spaziando dall’agricoltura, all’artigianato, e approfondendo tematiche relative all’industria e al lavoro autonomo, ispirandosi alla bellezza estetica dei luoghi di lavoro per giungere alla sensibilizzazione della sicurezza sul luogo di lavoro.

LA LOCANDINA

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI