Arte storia e fantasia: le strenne di Natale della città dei Papi

Passato, presente e futuro. Viterbo è anche questo mentre celebra il suo
Natale fiabesco al Christmas Village. Arte e fantasia che viaggiano
insieme attraverso un itinerario segnato dal tempo: una mostra di
maioliche provenienti dal museo di Castelfranco Veneto, ospitata nella
sala Regia di palazzo dei Priori; una rassegna di opere di artisti
contemporanei, allestita all’interno della nuova pensilina di piazza
del Sacrario; una serie di dipinti animati (dieci) di Van Gogh, esposti
nella sala delle Bandiere della stessa casa comunale.
Non è semplicemente una coincidenza.Spiega il sindaco, Leonardo
Michelini: “Si tratta di un ottimo mix tra ciò che è stato, ciò che è,
e ciò che sarà. Un legame temporale indissolubile, intrecciato per
valorizzare Viterbo e la sua Provincia”. In altre parole, per costruire
una continuità virtuosa del nostro patrimonio storico. Da un capolavoro
indiscusso, come la Pietà di Sebastiano del Piombo, al virtuale che si
realizza nei dipinti animati di Van Gogh. Due artisti grandissimi. La tela
del pittore viterbese dovrebbe essere esposta alla National Gallery di
Londra. “In attesa di trovare una definitiva sistemazione qui sotto i
Portici del Comune, proprio sotto la sala Regia”, assicura il primo
cittadino. Quando? “Probabilmente la prossima primavera”. Intanto
palazzo dei Priori per tutte le festività natalizie potrà offrire il
vecchio e il nuovo, la ceramica e la pittura, in una simbiosi artistica
che merita lo spazio di una visita. Magari insieme ad una più o meno
veloce escursione nel Villaggio di Babbo Natale, distante poche decine di
metri dalla residenza comunale. Da ultimo, ma non ultimo, un passaggio
nel presente: l’esposizione di arte moderna sotto la nuova
“pensilina del Sacrario”. Location, per ora, non meglio
identificata. “Una cosa veramente brutta….sì dovremo darle un
nome”, promette Michelini.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI