Archeologia e storia a Nepi : terzo numero a cura di Stefano Francocci

Presentazione del volume “Archeologia e Storia a Nepi – III” a cura di Stefano Francocci che si terrà Sabato 22 Aprile alle ore 16,30 presso la Sala Nobile del Palazzo Comunale di Nepi.
Il terzo numero di “Archeologia e Storia a Nepi” raccoglie i testi di conferenze e studi organizzati dal Museo Civico negli ultimi anni e che hanno trattato in particolare dell’età preromana e romana nel territorio di Nepi, ma non solo.
Il volume è aperto, infatti, dal resoconto di un’importantissima e controversa scoperta, quella del Fanum Voltumnae, il santuario federale della lega etrusca, individuato a poca distanza dall’odierna cittadina di Orvieto.
Anche nell’’Agro Falisco le ricerche sono proseguite in questi ultimi anni con il conseguimento di interessanti risultati. Nella pubblicazione vengono presentati gli esiti delle ultime campagne di scavo effettuate dal GAR fra il 2011 e il 2012 lungo il tratto della Via Amerina, denominato “Cavo degli Zucchi”.
Importanti dati sono emersi dalla rilettura dei materiali recuperati a seguito degli scavi compiuti alla fine degli anni ’90 del secolo scorso dalla Soprintendenza Archeologica all’interno dell’area urbana di Falerii Veteres, che hanno consentito di individuare la presenza di un nuovo santuario ed in particolare di un’area riservata alla celebrazione di culti di natura ctonia.
Per quanto concerne Nepi, due studi meritano di essere sottolineati per il contributo che stanno portando alla conoscenza dell’archeologia e della storia dell’antica cittadina. Il primo propone i risultati delle campagne di survey effettuate fra il 1999 e il 2000 nell’ambito del Nepi Project, relativamente alle indagini sulle presenze di età arcaica nel territorio.
Il secondo illustra le ricerche che hanno permesso l’individuazione di una importante scultura raffigurante Augusto che era stata rubata nei primi anni ’70 del secolo scorso e che, grazie alla collaborazione tra le autorità belghe e italiane, ed in particolare fra i Musées royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, la Soprintendenza Archeologica ed il Comune di Nepi, ha potuto ritornare in breve tempo al suo luogo d’origine ed essere esposta all’interno del nostro Museo.
Degno di grande interesse è anche lo studio effettuato sul cantiere della cripta del Duomo di Nepi, che per la prima volta va ad affrontare, nel suo complesso, le problematiche relative al riutilizzo, alla produzione e alla messa in opera degli elementi che caratterizzano il suo apparato strutturale e decorativo.
L’opera è completata da ricerche di carattere vario, non meno valide e meritevoli di attenzione, che trattano l’evoluzione delle pratiche funerarie e cultuali nel territorio falisco alla fine dell’età arcaica, lo studio del percorso dell’antica via Cassia e quello di una delle più affascinanti figure dell’etruscologia ottocentesca, George Dennis.


Interverrano:

Pietro Soldatelli, Sindaco del Comune di Nepi
Sara Biancalana, Assessore alla Cultura del Comune di Nepi
Stefano Francocci, Curatore del volume

Saranno presenti gli autori del volume.Ingresso Libero.

Info: Museo Civico di Nepi
Tel. 0761.570604
e-mail: museo@comune.nepi.vt.it FB https://www.facebook.com/museociviconepi

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI