Angelo Ricci al Raduno degli arbitri di calcio a 5 nazionali.

Si è concluso presso il centro di Sportilia, il raduno precampionato degli arbitri di calcio a 5.
A rappresentare i fischietti viterbesi è stato il vetrallese Angelo Ricci, inserito nell’organico della commissione arbitri nazionale di A e B di futsal.
“Questi momenti sono fondamentali – ha detto Massimo Cumbo, responsabile nazionale degli arbitri di calcio a 5 – affrontateli con serenità e senza ansia, siete arbitri nazionali. Un arbitro di futsal deve avere un forte carattere, il che prescinde dalla gara stessa, manifestare tranquillità, coraggio, motivazione, serenità e autocontrollo, tenere un adeguato comportamento, garantire una presenza costante e saper comunicare con i giocatori.”

I partecipanti hanno alternato lezioni in aula con approfondimenti degli aspetti tecnici e disciplinari e allenamenti in campo assistiti dai preparatori atletici. Gli arbitri sono stati distribuiti in gruppi di studio ai quali sono stati sottoposti dei casi pratici da elaborare nel corso del raduno per poi esporre i risultati in aula.
Importanti i test atletici, momento fondamentale di valutazione di un’indispensabile preparazione, e positivi i risultati ottenuti, tanto quanto quelli relativi ai quiz tecnici, la cui correzione è avvenuta anche grazie all’ausilio di video. Di particolare pregio l’intervento di Alfredo Trentalange, arbitro di fama internazionale e Responsabile del Settore Tecnico.

Gradita è stata la visita del Presidente dell’Aia Marcello Nicchi che, accompagnato dal presidente della Divisione Calcio a 5 Fabrizio Tonelli e dal Vice Presidente Vicario Alfredo Zaccardi, ha aperto la riunione plenaria.
“Sono molto contento – ha detto il presidente nazionale degli arbitri – l’aumento dell’attenzione verso il calcio a 5 ve lo siete meritato. Davanti a me vedo una moltitudine di persone per bene, prima ancora che arbitri, e questo mi inorgoglisce.” Poi un passaggio sulla violenza: “Noi saremo inflessibili – ha tuonato Nicchi – chi non è all’altezza di fare sport non deve entrare nei palazzetti. Minimizzare significa fare del male a chi si impegna. Noi stiamo investendo nel futsal, perché voi ci state facendo fare una bella figura nei confronti di tutti. Siete gente che lavora con serietà, grandi atleti, uomini e donne che stanno dando degli esempi positivi. Sono certo – ha concluso Nicchi – che anche quest’anno farete molto bene, così come sono sicuro che la nostra associazione avrà un grande futuro. Abbiamo nel nostro Dna il rispetto del prossimo e delle regole.”

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI