Amore e dintorni al circolo LaAv di Fabrica di Roma

amore

L’amore: ne parlano tutti, di quella sensazione di farfalle nello stomaco, il cuore che batte forte, il pensiero fisso dalla mattina alla sera. L’amore aleggia nell’aria in questi giorni con l’avvicinarsi del 14 febbraio, ricorrenza dedicata agli innamorati che viene celebrata in gran parte del mondo come la Festa di San Valentino.

Per l’occasione il Circolo LaAv – Letture ad alta voce di Fabrica di Roma ha promosso un incontro dal titolo “Amore e dintorni”. L’appuntamento è per sabato 14 febbraio alle 16 presso il bar del Parco dei Cedri a Fabrica di Roma.  Donne ,uomini, adulti, bambini, giovani e “diversamente giovani”, attraverso la lettura di brani, poesie, frasi potranno passare un pomeriggio insieme parlando e leggendo d’amore per celebrare questa festa dalle antichissime origini.

Deriva infatti dall’Antica Roma dove si celebrava la festa dei Lupercali, un rito per propiziare il risveglio della natura e la fertilità delle giovani donne. L’antico rito pagano fu celebrato fino al V° secolo d.C. quando la Chiesa decise di santificare la festa a San Valentino. Fu Papa Gelasio che elesse San Valentino custode degli innamorati. Circa due secoli prima, il Santo, allora vescovo di Terni, fu giustiziato proprio il 14 febbraio su richiesta dell’imperatore Marco Aurelio Claudio Quintillo che lo giudicò colpevole di celebrare matrimoni cristiani. E mentre attendeva la sua esecuzione, il futuro Santo si innamorò della figlia del suo guardiano a cui lasciò un biglietto dove si firmava “Il tuo Valentino”. Poi, prima di morire, riuscì ad abbracciare la ragazza che era cieca, donandole nuovamente la vista. La tradizione dello scambio è riuscita a sopravvivere nei secoli: negli Stati Uniti i biglietti d’amore sono chiamati “Valentine”, in Germania sono i “biglietti dell’amicizia”, in Italia “biglietti d’auguri”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI