Alla Casa di Vetro danza e sordità per “Crescere alla Pari”

Nessuno di noi può crescere, imparare, a maggior motivo rompere le sue catene senza l’aiuto di qualcuno; tutti abbiamo bisogno gli uni degli altri e l’arte ci aiuta in questo.

Qualcuno non ci crede? Provate a passare alla Casa di Vetro

«Un laboratorio pomeridiano straordinario, con al centro il tema delle pari opportunità» dove la danza diviene protagonista. (Spazio Pensilina – Sacrario).

Un laboratorio pomeridiano che sta coinvolgendo diversi giovani viterbesi, guidati dalla coreografa Maria Chiara Di Niccola e da Giovanna Paris, responsabile del laboratorio per l’associazione Juppiter.

«I ragazzi sono molto motivati e coinvolti in quest’avventura. Insieme stiamo facendo un lavoro sul corpo. – affermano Di Niccola e Paris – Dal punto di vista della danza stiamo insegnando una base di classica e poi c’è un esercizio su moderna e contemporanea. L’obiettivo principale è far tirare fuori a questi giovani le loro emozioni. Sono previste parti acrobatiche e alla fine, sono convinta, faranno tutti una gran figura nello spettacolo finale a cui parteciperanno e che girerà diverse città italiane».

Il corso, attivo ogni lunedì e mercoledì, ha come obiettivo quello di tenere insieme i ragazzi, attraverso la passione per il linguaggio espressivo del corpo e impegnandoli nella realizzazione di una parte del grande spettacolo, che rappresenta il momento centrale del progetto “Crescere alla Pari”.

«C’è una parte straordinaria su cui stiamo lavorando e che mi ha colpito molto: quella che vede coinvolti dei ragazzi sordi. – sottolineano – Un’entusiasmante sfida quella che li vedrà danzare, pur non avendo possibilità di sentire la musica all’interno dello spettacolo. Quanto stiamo facendo è importante perché rappresenta uno spazio, un’occasione in più, che permette ai ragazzi di Viterbo di fare un’esperienza davvero significativa». Tutte le info su quanto sta accadendo alla Casa di Vetro è possibile trovarle sulla pagina facebook Fragile – Maneggiare col cuore.

“Crescere alla Pari” è un progetto della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità presentato dall’IC Vanni di Viterbo, con l’IC Carmine di Viterbo e l’IISS Cardarelli di Tarquinia, insieme con il Comune di Viterbo, il Distretto turistico dell’Etruria Meridionale, l’associazione Juppiter, la Fondazione Exodus, Vip clown di corsia – Viterbo, Mille giovani per la pace e la cooperativa gli Aquiloni.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI